Le caretta caretta si spingono a nord: avvistata nidificazione a Pesaro
L

I più letti

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e...

Proprio questa mattina è stata avvistata una grossa Caretta caretta sulla spiaggia libera di Baia Flaminia, intenta ad andarsene in mare. E’ stata allertata immediatamente la Guardia Costiera di Pesaro, che si è recata sul posto alla ricerca di eventuali tracce di nidificazione. Giunti sul posto i responsabili della Fondazione Cetacea Onlus e del Parco del San Bartolo hanno individuato l’area di nidificazione e le prime uova deposte nel nido. Accertata l’effettiva deposizione delle uova, il nido è stato messo in sicurezza anche grazie all’eccellente collaborazione del Comune di Pesaro e della Capitaneria di Porto grazie ai quali è stata emanata un’ordinanza in difesa dell’integrità dell’area dove si trovano, che verrà monitorata nei prossimi mesi nell’attesa, si spera, della schiusa.

Si tratta di un fatto eccezionale poiché le Caretta caretta depongono fino a 100 uova e il nido di Pesaro risulta essere il più settentrionale individuato negli ultimi decenni. Anni fa era attestata la presenza di nidi in questa area, poi scomparsi a causa dell’antropizzazione della costa. Questo avvenimento di altissima importanza dal punto di vista naturalistico potrebbe essere un caso isolato oppure segnare il ritorno dei nidi sulle coste dell’alto adriatico. Fondazione Cetacea, Centro di Recupero Tartarughe Marine di riferimento delle regioni Emilia Romagna e Marche, ricorda che le tartarughe marine appartengono ad una specie protetta e che qualsiasi danno al nido è punibile con una sanzione molto salata. Per chiunque voglia partecipare al monitoraggio del nido può chiamare lo 0541691557.

Le ultime

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un...

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la resa è di circa il...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e del Trebbia, sanno da oggi...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino...

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui banchi e la responsabilità giuridica...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.