Via il “turismo”: alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali la sindacalista PD Teresa Bellanova
V

I più letti

Il vino durante la pandemia: chiusi bar e ristoranti, vola ecommerce e grande distribuzione

“In futuro una delle sfide più importanti delle cantine sarà quella di modernizzarsi per adattarsi alle richieste di un...

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Decreti Sementi-OGM, “sventato tentativo di aprire agli OGM”

Comunicato congiunto di Slow Food e di altre 25 associazioni “Esprimendo la nostra preoccupazione per una situazione governativa così difficile...

Succede al leghista Gianmarco Centinaio Teresa Bellanova, Sessantuno anni, brindisina, renziana, senatrice Pd eletta in Emilia Romagna, residente a Lecce, con un passato da sindacalista Cigl partendo dalla Federbraccianti. Nata a Ceglie Messapica, è il nuovo ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali e come primo segnale di discontinuità, cestina dall’acronimo “Mipaaft” la “t” di turismo.
Già capogruppo in Commissione Attività Produttive del Senato, Sottosegretaria al Lavoro e poi Viceministro allo Sviluppo economico con i Governi Renzi-Gentiloni, nei mesi scorsi la Bellanova aveva difeso la legge sul caporalato scagliandosi senza mezzi termini contro l’ex ministro del lavoro (da domani degli Esteri) Luigi Di Maio, da oggi suo alleato nel nuovo governo giallorosso.

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.