I punti programmatici di Costa: “Sugli inceneritori M5S e PD sono già vicini”
I

I più letti

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

E’ a Repubblica che Sergio Costa, già Ministro dell’Ambiente del primo governo Conte poi riconfermato dalla nuova compagine giallo-rossa, affida i punti programmatici del suo dicastero. Individua la prima scadenza nel prossimo Consiglio dei Ministri, durante il quale annuncia che porterà “il primo decreto legge a livello europeo sui cambiamenti climatici, in previsione del summit dell’Onu a fine mese”, che indica di tipo “europeo”. Spiega che è arrivato “il momento di osare” e apprezza che “tutte e tre le componenti del governo abbiano messo l’ambiente tra i primissimi punti del loro programma”. Tra i punti di forza del decreto – che il Ministro annuncia “di supporto alle famiglie, ai consumatori e alle imprese per imporre la svolta verde – la lotta per assicurare la qualità dell’aria e la mobilità sostenibile, la creazione di aree economiche ambientali e vantaggi fiscali per chi fa imprenditoria verde, vive verde, sviluppa verde”.
Poi, il tema dei rifiuti: “Le idee di M5s e Pd sugli inceneritori si sono già avvicinate – scrive – e la prova è anche il piano regionale per il Lazio di Zingaretti, che non ne ha previsto l’apertura di nuovi. Specifica però di avere un “approccio laico” alla questione: non pensa che tutti gli inceneritori vadano chiusi e ritiene che “quelli che ci sono bastino ad accompagnare il percorso verso economia circolare e rifiuti zero”. In conclusione, bonifiche e Terra dei Fuochi: se per le prime si propone di accorciare i tempi spiegando che “i tempi devono essere più brevi di almeno un terzo” rispetto a quelli attuali e che oggi ne esistono alcune “tramandate di padre in figlio da 30/40 anni”.
E sul fatto che Matteo Salvini sia fuori dal governo dice: “Si sta più rilassati”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.