Spiaggia di Sorrento, venute alla luce 80 Caretta caretta: “Non succedeva da trent’anni”

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Saranno liberate domani, direttamente in mare, le 14 tartarughine ritrovate due giorni fa sulla spiaggia di Meta di Sorrento. “Erano almeno trent’anni – fanno sapere dal parco marino di Punta Campanella – che non si rinveniva una modificazione di una caretta caretta su queste spiagge”.

Le tartarughine venute alla luce a Sorrento
Le tartarughine venute alla luce a Sorrento

Le piccole fanno parte di un contingente più cospicuo di 80 esemplari venuto alla luce inaspettatamente e che in parte ha guadagnato il mare autonomamente subito dopo la schiusa. “Ora sono tutte in perfette condizioni e pronte a cominciare la loro nuova vita in acqua – spiega Punta Campanella in una nota – dopo aver trascorso due giorni sotto il monitoraggio e l’accudienza degli esperti della Stazione Zoologica Anthon Dohrn di Napoli”.
Le tartarughine potranno dunque raggiungere i propri fratelli dalle correnti che corrono al largo di Punta Campanella, tra Capri e la costiera, in modo da avere più chance di sopravvivere senza dover affrontare il loro viaggio partendo dalla spiaggia. “Ora affronteranno la loro nuova vita in mare, e magari torneranno a trovarci tra 20-30 anni, per nidificare sulla stessa spiaggia”, conclude la nota.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.