In fumo 180mila ettari di foreste in Europa e l’Italia è al primo posto per gli incendi
I

I più letti

“Disastroso accordo sulla Pac, resa incondizionata alle lobby dell’agricoltura industriale”

Secondo Slow Food sarebbe “disastroso l’ accordo tra le maggiori forze politiche del Parlamento Ue sulla riforma della Pac...

Rischio di contagio da Covid al chiuso: arriva “APRI”, il progetto sulla qualità dell’aria indoor

“SIMA sta realizzando un algoritmo previsionale di rischio di propagazione del coronavirus in ambienti indoor. I...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

L’Italia è al primo posto in Europa per numero di grandi incendi boschivi registrati nel 2018. È quanto emerge dal rapporto annuale sui roghi boschivi in Europa, Medio oriente e Nord Africa pubblicato giovedì scorso dalla Commissione Ue. Secondo il documento, lo scorso anno gli incendi hanno distrutto quasi 178mila ettari di foreste e terreni nell’Unione Europa, meno di un sesto di quanto fatto nel 2017. Tuttavia, lo scorso anno il numero di Paesi colpiti dagli incendi è stato il più alto di sempre e la temperatura registrata in Europa centrale e settentrionale “ha continuato” a essere sopra la media stagionale. Primo Paese per numero d’incendi è l’Italia, con 147 grandi roghi (di ampiezza minima di 30 ettari) che hanno distrutto 14.649 ettari. Seguono Spagna (104 incendi per 12.793 ettari), Portogallo (86 roghi per 37.357 ettari, la superficie più ampia in Europa), Regno unito (79 roghi, 18.032 ettari) e Svezia (74 per 21.605 ettari). Quest’ultima, nel 2018, ha vissuto la peggiore stagione da quando sono disponibili i dati sui roghi. Nel rapporto si legge inoltre che nel 2019 la stagione degli incendi è cominciata prima rispetto alla media e già in marzo il numero degli incendi era più alto della media annuale dell’ultimo decennio. Per rispondere alle emergenze causate dai roghi, nel 2018 il Meccanismo di protezione civile Ue è stato attivato cinque volte in Svezia, Grecia, Lettonia e Portogallo.

Le ultime

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la “patente” di patrimonio immateriale dell’umanità....

Covid, Coldiretti: “Solo lo 0,2% dei contagi in campagna, +29% sulle ricerche di abitazioni”

Appena lo 0,2% delle 54.128 dei casi di infortunio da Covid-19 registrate dall’Inail in Italia riguarda l’agricoltura, dove peraltro i mesi estivi...

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno raggiunto un accordo secondo il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.