Messina, annunciata apertura di un delfinario per bambini con problemi: il no degli animalisti
M

I più letti

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più...

“Disastroso accordo sulla Pac, resa incondizionata alle lobby dell’agricoltura industriale”

Secondo Slow Food sarebbe “disastroso l’ accordo tra le maggiori forze politiche del Parlamento Ue sulla riforma della Pac...

Cinghiali abbattuti a Roma, Franco Perco: “Gli animali selvatici siano il campo di specialisti, non di pie dame”

Roma Nord, parco giochi di un quartiere contiguo al centro. Giovedì scorso una femmina di cinghiale...

Quali iniziative intendano intraprendere i ministri competenti “per evitare uno sperpero di denaro pubblico nella realizzazione di un delfinario che non potrà essere utilizzato?”. Lo chiede l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, in un’interrogazione ai ministri della Salute e dell’Ambiente sull’annunciata realizzazione a Messina, grazie a una convenzione fra il Ministero della Salute e l’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana, di un delfinario dove bambini con problemi potranno avvalersi della cosiddetta “delfino-terapia” presso l’Ircss-Piemonte Centro Neurolesi Bonino Pulejo.
“All’iniziativa pubblica di presentazione, a Messina, come si legge nelle cronache locali e come annunciato dalla locandina – prosegue il testo – era presente il funzionario Domenico Monteleone del Ministero della Salute, Ufficio VIII alimentazione animale, della Direzione generale Sanità animale e Farmaci Veterinari. La convenzione di cui sopra appare in contrasto con le linee guida nazionali per gli Interventi Assistiti con Animali (IAA), approvate dal ministero della Sanità, che puntualizzano: “Gli animali impiegati negli Interventi assistiti appartengono a specie domestiche in grado di instaurare relazioni sociali con l’uomo e non a specie selvatiche”.
Peraltro, “studi scientifici dimostrano come il nuoto con i delfini di individui con deficit neurologici, o di soggetti affetti da patologie fisiche di varia natura, non produca effetti che non possano essere ottenuti con terapie cliniche o con progetti innovativi realizzati grazie alle nuove tecnologie (come quelle relative alla realtà virtuale) ed evidenziano rischi sanitari e problemi di sicurezza: i delfini, anche quando nati in cattività, rimangono animali selvatici e sono stati documentati più casi di aggressione nelle attività di nuoto, probabilmente causati anche dell’impossibilità di sottrarsi al contatto con le persone”.
Inoltre, “il D.M. Ambiente, Salute, Politiche Agricole Alimentari e Forestali 20 dicembre 2017 che autorizzava il contatto tra pubblico e delfini è stato sospeso dal TAR del Lazio il 10.5.2019 su istanza della LAV, sentenza confermata dal Consiglio di Stato il 26.7.2019 con Ordinanza n. 3821″. Quindi il nuoto con i delfini non è consentito.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.