Il Senato approva il dl Clima, ora il passaggio alla Camera
I

I più letti

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Cinghiali abbattuti a Roma, Franco Perco: “Gli animali selvatici siano il campo di specialisti, non di pie dame”

Roma Nord, parco giochi di un quartiere contiguo al centro. Giovedì scorso una femmina di cinghiale...

L’aula del Senato ha approvato il decreto clima con 136 voti favorevoli, 93 contrari e due astensioni. È il primo via libera al provvedimento, che ora passerà alla Camera.
“È grande la soddisfazione per l’approvazione al Senato del dl clima. È il primo pilastro del Green new deal”, commenta il ministro dell’Ambiente Sergio Costa sottolineando che “il dibattito parlamentare lo ha arricchito e migliorato. E ora velocemente alla Camera per approvare la prima legge del governo sul clima. Ringrazio tutte le forze della maggioranza per aver lavorato costruttivamente e insieme al testo e averlo significativamente implementato”.
Tra le novità del dl Clima, la norma che trasforma il Cipe nel Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile. “Avremo un anno di tempo per attuare questo impegno – spiega Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio – e lo faremo con la consapevolezza di dover guidare la transizione verso un modello di sviluppo compatibile con l’ambiente. Con il Cipess il tema della sostenibilità sarà messo al centro della nostra economia”. “Oggi – aggiunge – investire nello sviluppo sostenibile non garantisce solo la tutela ambientale ma rappresenta anche un’occasione di crescita per il tessuto produttivo, l’occupazione e la competitività del sistema-Paese. L’obiettivo del Cipess sarà quello di coordinare le attività economiche del Governo e delle amministrazioni verso l’economia green: il Comitato avrà pertanto nuove competenze che rafforzeranno la sua funzione di raccordo e sintesi, ridefinendo le priorità del Paese nell’ottica della sostenibilità. È un percorso che richiede condivisione e lungimiranza, per questo apprezzo particolarmente il sostegno del Parlamento alla norma. Con il Cipess – conclude Fraccaro – lo sviluppo sostenibile diventa l’obiettivo strategico della politica economica dell’Italia”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.