Olimpiadi di Tokyo, Greenpeace: “Picchi radioattivi in zone già decontaminate da Fukushima”
O

I più letti

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più...

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

Lo scorso 26 ottobre, durante una campagna di misurazioni, i consulenti per la radioprotezione di Greenpeace Giappone hanno rilevato e documentato diversi picchi di radioattività nel complesso sportivo da dove partirà la staffetta della torcia olimpica dei Giochi di Tokyo 2020.
Secondo le rilevazioni rese note da Greenpeace Giappone, i livelli di radiazione misurati sulla superficie del terreno intorno allo stadio del J-Village, nella Prefettura di Fukushima, hanno mostrato un picco fino a 71 µSv/h (microsievert/ora). Questo livello è 1.775 volte superiore ai 0,04 microsievert/ora rilevabili prima dei tre incidenti con fusione del nocciolo avvenuto nel 2011 ai reattori di Fukishima Daiichi. I risultati completi della campagna di monitoraggio saranno pubblicati nella primavera del 2020.
Il 18 novembre Greenpeace Giappone ha inviato una lettera al ministro dell’Ambiente giapponese Koizumi per richiedere misure immediate di decontaminazione e la garanzia che il pubblico che assisterà agli eventi olimpici e paralimpici nel J-Village non sarà esposto ai “punti caldi” di radioattività. Copie della lettera sono state anche inviate al Presidente del Comitato Olimpico Internazionale, così come ai Presidenti del Comitato Paralimpico Internazionale, dei Comitati Olimpici e Paralimpici giapponesi e al Governatore della Prefettura di Fukushima, che è anche Presidente del J-Village.
Nonostante Greenpeace debba ancora ricevere una risposta dal governo giapponese, sta rendendo note le informazioni sui picchi di radioattività rilevati dal momento che, nelle scorse ore, la testata nipponica Sankei Shimbun ha pubblicato alcuni dettagli della lettera inviata al governo giapponese e agli organi olimpici. La missiva è stata passata ai media da un funzionario la cui identità non è nota. Dall’articolo del Sankei Shimbun si apprende che TEPCO ha rimosso due giorni fa il terreno attorno ad un particolare hotspot dove sono stati rilevati 71 microsievert all’ora a livello di superficie.
«Mentre nel J-Village i livelli di radioattività sono risultati generalmente bassi, questi picchi destano notevoli preoccupazioni per la salute pubblica», dichiara Kazue Suzuki, della campagna Energia di Greenpeace Giappone. «Punti con livelli così elevati di radioattività possono essere riscontrati nell’area chiusa intorno a Fukushima, la cosiddetta Area 3, ma non dovrebbero essere presenti in aree aperte al pubblico. E invece sono stati rilevati in un luogo che è stato al centro di un vasto programma di decontaminazione, nonché punto di partenza per la staffetta della torcia olimpica per i Giochi di Tokyo 2020»
Per Greenpeace Giappone questi picchi di radioattività evidenziano sia l’entità della contaminazione causata dal disastro di Fukushima, sia il fallimento degli sforzi di decontaminazione. Per questo, l’organizzazione ambientalista ha invitato il ministro dell’Ambiente ad agire con urgenza, avviando una decontaminazione immediata.
I “punti caldi” misurati nel parcheggio vicino al J-Village sono particolarmente preoccupanti perché si trovano in un’area che è attualmente visitata da un gran numero di persone. Le cifre più alte sono state: 71 µSv /h a contatto col suolo, 32 µSv/h a 10 cm, 6 µSv/h a 50 cm e 1,7 µSv /h a 1 m, mentre la soglia di decontaminazione del governo giapponese ufficiale è di 0,23 µSv/h.
«Esiste il rischio che forti piogge diffondano questi livelli più elevati di contaminazione sulle strade pubbliche e possano così ricontaminare le aree già decontaminate», dichiara Shaun Burnie, Senior nuclear specialist di Greenpeace Germania e leader del team di radioprotezione. «Questo potrebbe in parte annullare i precedenti sforzi di decontaminazione delle aree aperte al pubblico nel J-Village. Dalle nostre valutazioni, è improbabile che i picchi di radioattività di livelli così elevati siano riemersi dalla ricontaminazione successiva alle attività di decontaminazione. È più logico pensare che la decontaminazione non sia stata condotta in modo sufficiente e approfondito», conclude.
Per proteggere la sicurezza del pubblico, Greenpeace Giappone esige che il governo giapponese conduca un’indagine immediata e approfondita sul livello di radioattività delle aree pubbliche all’interno e intorno al J-Village e nelle vicine sedi olimpiche e paralimpiche. Inoltre, se verranno identificati ulteriori “punti caldi” di radioattività sarà necessaria una immediata decontaminazione dei siti interessati. Sarà anche necessario condurre controlli regolari dei livelli di radiazione nel J-Village, per monitorare la possibile ricontaminazione delle aree aperte al pubblico.

Le ultime

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.