Rispunta la Tav, manifestazione in Val Susa con la capogruppo M5S ma il governo nicchia
R

I più letti

Ricerca UniPg: dalla carne di coniglio una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari del Mediterraneo

Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione...

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

Divieto di asporto dopo le 18: 7mila enoteche sopraffatte dalla grande distribuzione

“La chiusura anticipata alle 18,00 discrimina ingiustamente le oltre 7mila enoteche presenti in Italia nei confronti di negozi alimentari...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Oltre Legambiente, aderisce alla marcia Susa-Venaus dell’8 dicembre anche la capogruppo M5S Piemonte Francesca Frediani.

Prevista per domenica 8 dicembre c’è la mobilitazione No Tav con una marcia Susa-Venaus, per ribadire un no inequivocabile alla linea ad alta velocità Torino Lione. Al Governo è destinato il messaggio di sempre, quello di “una grande opera inutile, costosa e che rischia di produrre danni irreversibili all’ambiente”. E a sventolare la bandiera della propria contrarietà anche Francesca Frediani, capogruppo M5S Piemonte, mentre il suo partito di maggioranza non sembra dare gli stessi segnali di chiarezza. Anzi, da quando il tema ebbe la responsabilità di far cadere l’esecutivo precedente, è apparso davvero come poco conteso nell’ambito della dialettica politica di governo.

“Non ho la minima incertezza rispetto a quale sia il mio posto – spiega Frediani – perché nessuno di noi può considerare “questione chiusa” una storia di resistenza trentennale”. E a darle manforte arriva anche Legambiente, che annuncia la partecipazione alla manifestazione e spiega: “Le opere che davvero servono all’Italia e al Piemonte sono altre, non certamente la Tav la cui utilità, dopo decenni di discussione, resta ancora tutta da dimostrare”, dichiarano Stefano Ciafani e Giorgio Prino, rispettivamente presidente nazionale e regionale di Legambiente. Tutto questo anche perché, ricorda Legambiente, la Tav non sposterà un solo tir dalla strada, visto che resterà più economico e facile far “girare” le merci su gomma. Per l’associazione, invece, il Governo deve avere il coraggio di ridurre la quota di trasporto merci che oggi viaggia su gomma disincentivando questo trasporto attraverso leve fiscali e tariffarie, promuovendo la mobilità urbana sostenibile, rafforzando e rendendo più competitivo il trasporto ferroviario pendolare e urbano per offrire una valida alternativa all’auto.

Cosa dirà Di Maio?

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.