Cresce la produzione di rifiuti, ne produciamo mezza tonnellata a testa
C

I più letti

Innovazione, gli OLED illumineranno l’agricoltura del futuro

I ricercatori del Centro ENEA di Portici hanno sperimentato per la prima volta sistemi di illuminazione OLED sulle piante in ambienti chiusi, dimostrando come la luce diffusa e a...

L’Australia a un anno dagli incendi: 49 specie hanno perso l’80% del proprio habitat

A circa un anno dalla stagione di incendi senza precedenti che da giugno 2019 a febbraio 2020 ha colpito...

Paese che vai, cambiamento climatico che trovi: lo studio sulle aree più esposte

II caldo non uccide allo stesso modo in ogni angolo della terra, né in ogni quartiere della medesima città....

Rifiuti in città
Rifiuti in città

Torna a crescere la produzione dei rifiuti urbani in Italia nel 2018, in linea con i valori del Pil, con un aumento del 2% rispetto al 2017 e poco meno di 500 kg pro capite. Si tratta di quasi 30,2 milioni di tonnellate, dopo 6 anni sotto quota 30 milioni. Al Nord sono state prodotte 14,3 milioni di tonnellate, al Centro 6,6 e al Sud 9,2. E’ quanto emerge dal “Rapporto Rifiuti Urbani edizione 2019” dell’Ispra. E’ ancora in calo l’uso delle discariche (-6,4%), mentre cresce la raccolta differenziata (+2,6%).  Quella dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), è una fotografia del 2018 su “quanti sono, come li raccogliamo e li trattiamo, in quali impianti finiscono e quanto costa agli italiani la gestione”. Nel 2018 – secondo il rapporto – i rifiuti urbani prodotti sono stati gestiti da 646 impianti: 353 al Nord, 119 al Centro e 174 al Sud. Oltre la metà di questi è dedicata al trattamento dell’organico (339 impianti), “il più raccolto – spiega Ispra – ma alcune regioni non hanno impianti per trattarlo”. Inoltre sulla differenziata gli “Impianti non sono al passo con le esigenze della differenziata, pochi e mal distribuiti”: sono 7 le regioni italiane che superano l’obiettivo del 65% fissato, al 2012, dalla normativa. In discarica sono state smaltite quasi 6,5 milioni di tonnellate (pari al 22%), con una riduzione del 6,4%: Solo nel Centro Italia si è registrato un +4,3%, mentre Nord e Sud sono scesi rispettivamente del 10% e del 9%. Le discariche operative sono 127: 56 al Nord, 25 al Centro e 46 al Sud. E se nel 2018 sono state esportate all’estero 500 mila tonnellate di rifiuti (l’1,5% dei rifiuti urbani prodotti con un aumento del 31% rispetto al 2017), calano dell’8% le importazioni. Per l’Ispra a livello nazionale il costo totale medio pro-capite all’anno per i rifiuti urbani è cresciuto di 3,46 euro: pari a 174,65 euro (nel 2017 era 171,19). Al Centro si paga di più (208,05). 

Le ultime

Clima, gli USA mandano John Kerry a colloquio con l’UE

A seguito dell'insediamento del Presidente Biden, l'UE sta già collaborando con la nuova amministrazione statunitense per affrontare la crisi...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.