Il Summit di Davos arriva il 21 gennaio a conclusione del secondo anno più caldo di sempre sul Pianeta, che ha fatto registrare una temperatura media sulla superficie della terra e degli oceani superiore di 0,95 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo. A celebrare dunque il 50esimo anniversario del World Economic Forum (Wef) arriveranno sulle Alpi un totale di 53 capi di Stato e circa 600 conferenzieri: tra di loro anche la baby-attivista svedese Greta Thunberg, che è la prima (alle 8.30 del mattino) a prendere la parola in una prima sessione tutta ambientalista. Poi il presidente Donal Trump.
Se affrontare il cambiamento climatico sarà una delle priorità del leader riuniti alla conferenza, le delegazioni si concentreranno anche sul rallentamento economico globale, la crisi della globalizzazione e delle tensioni geopolitiche di questi giorni, a cominciare dall’Iran in e la Libia. Il titolo scelto per il 2020 è “Stakeholder per un mondo coeso e sostenibile”, con gli esperti che tenteranno di rispondere alle preoccupazioni legate all’ambiente emerse nel corso dell’ultimo anno.

Davos, Svizzera

“L’agroalimentare – sottolinea la Coldiretti – è tra i settori più colpiti dal cambiamento climatico con effetti non solo sul piano economico ma con conseguenze anche sull’ambiente, sulla fame e sulle migrazioni. Non è un caso che il cibo – precisa la Coldiretti – sia tornato strategico nelle relazioni internazionali con nuove guerre commerciali, dai dazi di Trump alla Cina e all’Unione Europea all’embargo della Russia che ha colpito principalmente prodotti alimentari.
“Il Forum deve rappresentare una occasione per avviare un dialogo costruttivo ed evitare l’acuirsi di scontri dagli scenari inediti e preoccupanti che rischiano di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra i Paesi”, ha affermato il presidente Ettore Prandini nel sottolineare “la necessità di investire sull’agricoltura per una crescita sostenibile che contrasti la crisi climatica e il dissesto idrogeologico in un percorso di grande supporto al Green Deal dell’Unione Europea”.

Il notiziario ogni mattina in casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario in casella di posta.