Milano, in primavera sarà conclusa l’autostrada per le api: 3.5 chilometri di via fiorita in città
M

I più letti

Agricoltura: dai fitofarmaci al sisma del 2012, tutte le novità introdotte dal Decreto Milleproroghe

Validità dei patentini per l’utilizzo di fitofarmaci, incentivi impianti biogas e finanziamenti agevolati per le aree colpite dal Sisma 2012: sono queste le...

Emissioni gas serra, nel 2020 stimata una riduzione del 9,8% rispetto al 2019

Sulla base dei dati disponibili per il 2020, si stima una consistente riduzione delle emissioni di gas serra a...

Visoni e Covid, “Stop agli allevamenti: sono serbatoi di virus e possono portare a mutazioni pericolose”

"Mi sono più volte occupata dei focolai di COVID 19 scoppiati in diversi allevamenti di visoni negli Stati membri –...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Il Parco Nord di Milano si è reso protagonista di un’iniziativa che ha l’obiettivo di realizzare la strada fiorita più lunga d’Italia ad uso e consumo degli insetti impollinatori per eccellenza: le api, strette nella morsa dell’avanzare delle aree urbane a scapito degli habitat naturali e dell’utilizzo sempre più massiccio di sostanze tossiche. I lavori per quella che a primavera 2020 dovrà diventare una vera e propria “autostrada per le api” sono iniziati a dicembre e contano su una piattaforma di crowdfunding che chiama a raccolta cittadini e aziende.
L’autostrada per le api sarà lunga 3,5 km, attraverserà il Parco Nord di Milano da nord/est a sud/ovest e creerà un vivace tragitto fatto di colori, profumi, con un milione di fiori da impollinare e 3000 nuove piante erbacee perenni: il tutto grazie alla depavimentazione di uno spartitraffico d’asfalto in via Suzzani.
Ma non è la prima pietra che il Parco Nord posa in favore della biodiversità. Come stanno facendo anche altre metropoli europee, l’ente ha già iniziato da qualche anno a realizzare aree ricche di fiori per attirarle, nutrirle, e favorire il loro incessante lavoro: ora l’obiettivo della strada fiorita è riconnettere le aiuole già realizzate e collegare i due apiari condivisi di circa 15 arnie, condotti da una cinquantina di cittadini volontari, realizzati uno all’Orto Comune Niguarda e l’altro alla Cascina Centro Parco.

Le ultime

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.