Crollo palazzina a Catania, i geologi: “Non cedimenti strutturali ma cambiamenti geostatici”
C

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

“Il crollo di due giorni fa della palazzina nel centro storico di Catania ripropone il problema della scarsa conoscenza della pericolosità e dei rischi dovuti alla geologia urbana, quindi all’affioramento di rocce cedevoli, alla presenza di cavità sotterranee, al dilavamento legato a perdite nelle reti idriche e ad altri fenomeni legati direttamente alla natura geologica dei terreni su cui si edifica, tra cui nella città etnea, le gallerie di scorrimento lavico”. Questo il commento di Fabio Tortorici Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi intervenendo sul cedimento di parte di una palazzina nella sera tra il 19 e il 20 gennaio nella città siciliana.

La palazzina crollata a Catania
La palazzina crollata a Catania

“Le indagini sulle cause del crollo – prosegue Tortorici – sono ancora in corso, ma la dinamica dei segni premonitori e degli eventi sono in relazione più che a problemi strutturali del fabbricato, ad una modifica degli equilibri geostatici e alle caratteristiche dei terreni di fondazione. In questo caso come in tantissimi altri, l’intervento dei vigili del fuoco ha evitato il peggio, ma certamente, la presenza di un geologo permetterebbe nei sopralluoghi e nelle fasi di emergenza, di riconoscere quelle fenomenologie che per oltre il 40% sono la causa dei crolli di edifici, ponti, strade e di tutte le strutture che interagiscono col terreno. È risaputo – conclude il geologo siciliano – che l’Italia è una nazione in cui oltre il 15% della popolazione risiede in aree ad elevato e medio rischio idrogeologico ed in cui mediamente ogni cinque anni un terremoto distruttivo semina danni e vittime. A tal proposito non posso fare a meno di esprimere il mio disappunto riguardo l’entrata in vigore (poco più di un anno fa) di un Decreto Legislativo sull’ordinamento del personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che non prevede la figura del geologo in ruoli operativi”.

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.