Attesa riduzione di emissioni di gas serra tra il 5 e il 7%, a incidere la contrazione dei trasporti
A

I più letti

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Nel primo trimestre del 2020, a causa delle restrizioni alla mobilità dovute al COVID-19 su tutto il territorio nazionale, ci si attende una consistente riduzione delle emissioni di gas serra a livello nazionale; pur in assenza di dati consolidati, la stima è che nel primo trimestre del 2020 le emissioni sul territorio nazionale saranno inferiori del 5-7% rispetto a quelle dello stesso trimestre del 2019. 

Corso Europa, Genova
Corso Europa, Genova

Tali riduzioni sono dovute principalmente al settore dei trasporti, a causa della riduzione del traffico privato in ambito urbano, e in misura minore dal settore del riscaldamento, per la chiusura parziale o totale degli edifici pubblici e di alcune aziende. Tale riduzione comunque non contribuisce alla soluzione del problema dei cambiamenti climatici, che ha invece necessità di modifiche strutturali, tecnologiche e comportamentali che riducano al minimo le emissioni di gas serra nel medio e lungo periodo. 
Nel 2018, i dati ufficiali dell’Ispra mostrano una diminuzione delle emissioni di gas serra, rispetto al 2017, dello 0,9%, mentre per ciò che riguarda le stime relative all’anno 2019, la tendenza è di una riduzione del 2,0% rispetto all’anno precedente mentre nello stesso periodo si è registrato una crescita del PIL pari allo 0,3%. Si conferma, in linea generale, il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni e la tendenza dell’indice economico. 
L’andamento stimato è principalmente dovuto alla riduzione delle emissioni per la produzione di energia elettrica (-4,0%), in particolare per la riduzione dell’utilizzo del carbone, e dalla riduzione dei consumi energetici anche negli altri settori, industria (-3,7%), trasporti (-0,6%) e riscaldamento (-1,8%). 

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.