Anche Nerola (Ri) zona rossa: paura come al tempo del “mostro” 

I più letti

Ernesto Picchioni, il mostro di Nerola

I PASTICCI DELLA SANITA’ DEL LAZIO
Ora si sono persi anche le cartelle cliniche di una cinquantina di contagiati trasferiti d’urgenza notte.

Di Angelo Pennacchioni

Nerola (RI), 29 marzo ‘20 – Nel piccolo centro del reatino si vivono giorni da incubo Covid19, più o meno come verso la metà del secolo scorso si viveva la paura d’incappare nel serial killer Ernesto Picchioni, più tristemente noto come il “mostro di Nerola”. Fu accusato d’aver fatto sparire, nel periodo 1944-’47, una ventina di persone del luogo.
Questa volta Ernesto Picchioni non c’entra ma il fatto non è meno inquietante.
Una cinquantina di ospiti della Casa di Riposo Maria Immacolata sono stati trasferiti d’urgenza di notte “causa contagio Coronavirus” ed il Comune classificato Zona Rossa. Che si aggiunge al Circondario di Fondi nel frusinate.
Nel piccolo paese a Nord di Roma, il nome deriva da Nerone, milleottocento abitanti, nessuno potrà entrare o uscire fino all’8 aprile; a sorvegliare anche l’Esercito. 
La decisione è stata presa dalla Regione Lazio, sentita la Prefettura, dopo i casi riscontrati negli ultimi giorni riconducibili alla Casa di riposo Maria Immacolata dove, su 40 operatori sanitari 16 sono risultati positivi al test come 56 dei 63 ospiti; di questi 26 residenti nel Comune; 72 i positivi nel territorio, tre i deceduti. 
Ma ora spunta anche il “giallo” delle cartelle cliniche perdute. 
Forse dimenticate, o trafugate?,  durante la “deportazione” di 49 anziani. 
“Trasportati nottetempo, protesta la sindaca Sabina Granieri, ancora in pigiama e ciabatte, dalla casa di riposo contagiata ad una clinica altrettanto lambita dal virus: la “Nomentana Hospital” di Fonte Nuova. Trentacinque chilometri sulla Salaria vuota, a bordo di un torpedone e di ambulanze.” 
“Lo accettiamo ovviamente – aggiunge – per la salute pubblica, anche se non se ne comprende a pieno la logica: la gran parte dei contagiati, i 56 anziani sui 63 ospiti della Casa ora sono in cura lontani da qui partiti, senza poter portare i loro vestiti e lasciati anche senza le cartelle cliniche, almeno così i parenti che protestano…”. 
Erano gli anni ’44-47 del secolo scorso quando sulla S.S Salaria correva il terrore d’incontrare una morte improvvisa e violenta. 
Paura che cessò a luglio del 1947 quando a quel tipo d’influenza si attribuì il nome di Ernesto Picchioni, detto anche il mostro di Nerola o della Salaria.
Il vaccino fu distribuito ad opera della Corte d’Assise di Roma che il 12 marzo del 1949 prescrisse al mostro due ergastoli e 26 mesi di carcere; solo in parte scontati perché Ernesto Picchioni morì nel carcere di Porto Azzurro il 12 marzo del 1967, aveva appena compiuto 67 anni. Gli erano stati riconosciuti otto omicidi, ma si riteneva che avesse ucciso almeno una ventina delle persone scomparse in quegli anni a Nerola.

Le ultime

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Al via dal 1° agosto il primo master italiano in “Medicina Ambientale”

Grazie alla partnership tra la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e l'Università degli Studi Niccolò Cusano partirà...

Catturato il lupo di Alimini, ora le analisi genetiche: verrà trasferito nel Centro di Monte Adone

Operazione in notturna condotta dai tecnici Parco Majella in continuo contatto con ISPRA, alta probabilità che avesse il collareCatturato il lupo che da diverse...

Nate due leoncine asiatiche in pericolo di estinzione al Bioparco di Roma

Alla presenza della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, sono stati presentati...

Orsa Gaia, Costa ricorre al TAR: “Abbattimento misura sproporzionata”

"La convivenza tra predatori e uomini è possibile", è convinto il Ministro."Abbiamo formalizzato ieri sera la richiesta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di proporre...

Forse ti può interessare anche