Ibridi lupo-cane, mappati in 19 sull’Appennino
I

I più letti

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

E’ in dirittura d’arrivo il progetto LIFE MIRCO-Lupo che ha avuto, sin dal suo avvio nel 2015, l’obiettivo di minimizzare l’impatto del randagismo canino sulla conservazione del lupo in Italia. Un progetto finanziato dall’Unione Europea che si fonda sull’assunto per cui il randagismo canino è all’origine di incroci tra lupi e cani e può possono mettere in serio pericolo la conservazione del patrimonio genetico del lupo. “Sperimentare l’efficacia di soluzioni gestionali per ridurre l’impatto negativo dell’ibridazione antropogenica – esordisce Luigi Molinari, tecnico del progetto LIFE MIRCO-lupo nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano – è stato uno degli obiettivi principale del progetto. Due gli strumenti messi in campo: neutralizzare il potenziale riproduttivo degli individui ibridi lupo-cane, nonché contenere il numero dei cani vaganti e randagi presenti nelle aree di progetto. Sono stati catturati – continua Molinari – complessivamente 21 animali; 19 di questi sono risultati ibridi alle indagini genetiche, e quindi sono stati sterilizzati. Tutti gli animali catturati sono stati dotati, prima del loro ritorno allo stato selvatico, di un sistemi di localizzazione estremamente efficienti (radio-collari GPS-GSM)  con i quali è stato possibile monitorarne  gli spostamenti e le attività sul loro territorio”.
Sorprendente è stata la valutazione delle localizzazioni di alcuni di questi animali, soprattutto di quelli più giovani e di “basso rango” sociale. Le localizzazioni collezionate nel tempo hanno, infatti, rappresentato sia la capacità di dispersione della specie (veri e propri spostamenti di decine e decine di chilometri) sia purtroppo l’abitudine di alcuni di questi animali a recarsi nelle concimaie delle stalle in cui sono allevate le vacche per la produzione di latte da destinare alla trasformazione casearia per cibarsi opportunisticamente di ciò che viene smaltito attraverso questa  abitudine consolidata in Appennino, come placente e vitelli nati morti.
Questa abbondanza di cibo facilmente utilizzabile e disponibile durante l’intero arco dell’anno ha reso questi animali certamente più confidenti con le pertinenze delle stalle creando altresì molteplici e ripetute occasioni  di incontro tra lupi e cani, presenti spesso in gran numero nei pressi delle stalle. Questi incontri abituali tra lupi e cani sono probabilmente all’origine dei sempre più frequenti episodi di predazione su cani che si stanno collezionando negli ultimi anni in Appennino.

“Sul fronte delle attività dirette al contenimento del randagismo canino – spiega lo zoologo del Parco Nazionale – sono stati registrati all’anagrafe canina oltre 600 animali; sono stati sterilizzati, su base volontaria, ben 57 cani; sono stati effettuati oltre 480 trattamenti sanitari a cani di aziende agricole e sono stati catturati e destinati ai canili territorialmente competenti 25 cani randagi.
“E’ necessario sottolineare – interviene il Responsabile di progetto, Dott. Willy Reggioni – la dimensione sperimentale e innovativa del progetto e conseguentemente il valore dei  risultati ottenuti sia sul piano della conservazione della specie lupo, sia sul piano della corretta comunicazione, sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità locali su un argomento così articolato e  complesso da essere poco comprensibile al grande pubblico”.
“Il progetto – prosegue Reggioni – lascerà in eredità ai Parchi nazionali che lo hanno sviluppato un grande patrimonio di esperienze e di conoscenze che dovranno essere ampiamente utilizzate in futuro anche da Regioni, Enti e altri soggetti competenti. E’ possibile, infatti, mettere in atto nuove buone pratiche di gestione della presenza di questi animali alla luce delle criticità dei nuovi scenari che sono stati osservati. Mi riferisco alla presenza di questi super predatori anche in contesti molto antropizzati, un fenomeno che dovrà essere attentamente monitorato e valutato con estrema attenzione perché sia garantita la coesistenza tra uomo e lupo anche nel futuro”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.