Metà fuori e metà dentro il guscio: il falco pellegrino nasce in diretta
M

I più letti

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

“Questa mattina la bella sorpresa”, fanno sapere dal Parco dei Castelli Romani: “Alle prime luci dell’alba del 9 aprile 2020 il primo uovo si è schiuso ed il primo pullo è nato in diretta web”. Si tratta del falco pellegrino, un rapace diffuso in Italia che abita generalmente zone impervie e pareti rocciose. Tuttavia, anch’esso ha preso familiarità con le aree urbane e allora, quando lo si incontra nelle città, si possono trovare tracce della sua nidificazione anche su torri o campanili: famosa è la coppia che vive e si riproduce sul Pirellone, a Milano. Ai Castelli Romani però, il falco pellegrino alleva i propri pulcini da molti anni e quest’anno, tra il 5 e l’8 marzo, una coppia ha deposto 4 uova su un nido già frequentato.

“La cova 2020 del Falco pellegrino al Parco dei Castelli Romani sta volgendo al termine con successo: dopo il primo pullo, infatti, restano ancora tre uova in cova, che presto si schiuderanno”, spiega il Parco. “Alle 7.44 la femmina si è alzata mostrando il piccolo nato che aveva il corpo ancora in metà guscio. Ora la femmina lo ricopre insieme alle altre uova. La prossima schiusa potrebbe avvenire oggi o domani. A questo punto attendiamo il primo pasto di questo giovane predatore appena affacciato alla vita; il maschio sicuramente starà provvedendo”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.