Metà fuori e metà dentro il guscio: il falco pellegrino nasce in diretta
M

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

“Questa mattina la bella sorpresa”, fanno sapere dal Parco dei Castelli Romani: “Alle prime luci dell’alba del 9 aprile 2020 il primo uovo si è schiuso ed il primo pullo è nato in diretta web”. Si tratta del falco pellegrino, un rapace diffuso in Italia che abita generalmente zone impervie e pareti rocciose. Tuttavia, anch’esso ha preso familiarità con le aree urbane e allora, quando lo si incontra nelle città, si possono trovare tracce della sua nidificazione anche su torri o campanili: famosa è la coppia che vive e si riproduce sul Pirellone, a Milano. Ai Castelli Romani però, il falco pellegrino alleva i propri pulcini da molti anni e quest’anno, tra il 5 e l’8 marzo, una coppia ha deposto 4 uova su un nido già frequentato.

“La cova 2020 del Falco pellegrino al Parco dei Castelli Romani sta volgendo al termine con successo: dopo il primo pullo, infatti, restano ancora tre uova in cova, che presto si schiuderanno”, spiega il Parco. “Alle 7.44 la femmina si è alzata mostrando il piccolo nato che aveva il corpo ancora in metà guscio. Ora la femmina lo ricopre insieme alle altre uova. La prossima schiusa potrebbe avvenire oggi o domani. A questo punto attendiamo il primo pasto di questo giovane predatore appena affacciato alla vita; il maschio sicuramente starà provvedendo”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.