Metà fuori e metà dentro il guscio: il falco pellegrino nasce in diretta
M

I più letti

Paese che vai, cambiamento climatico che trovi: lo studio sulle aree più esposte

II caldo non uccide allo stesso modo in ogni angolo della terra, né in ogni quartiere della medesima città....

Approvata la legge sull’agricoltura biologica in Senato: “Un passo verso l’agroecologia”

Legambiente: “Finalmente un passo determinante verso l’agroecologia in vista dell’approvazione definitiva. Si tratta di un importante traguardo raggiunto per...

Cinghiali, ora possiamo sapere quanti sono grazie ai visori termici: lo studio dell Cnr

I ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per la ricerca e la protezione ambientale hanno rivisto...

“Questa mattina la bella sorpresa”, fanno sapere dal Parco dei Castelli Romani: “Alle prime luci dell’alba del 9 aprile 2020 il primo uovo si è schiuso ed il primo pullo è nato in diretta web”. Si tratta del falco pellegrino, un rapace diffuso in Italia che abita generalmente zone impervie e pareti rocciose. Tuttavia, anch’esso ha preso familiarità con le aree urbane e allora, quando lo si incontra nelle città, si possono trovare tracce della sua nidificazione anche su torri o campanili: famosa è la coppia che vive e si riproduce sul Pirellone, a Milano. Ai Castelli Romani però, il falco pellegrino alleva i propri pulcini da molti anni e quest’anno, tra il 5 e l’8 marzo, una coppia ha deposto 4 uova su un nido già frequentato.

“La cova 2020 del Falco pellegrino al Parco dei Castelli Romani sta volgendo al termine con successo: dopo il primo pullo, infatti, restano ancora tre uova in cova, che presto si schiuderanno”, spiega il Parco. “Alle 7.44 la femmina si è alzata mostrando il piccolo nato che aveva il corpo ancora in metà guscio. Ora la femmina lo ricopre insieme alle altre uova. La prossima schiusa potrebbe avvenire oggi o domani. A questo punto attendiamo il primo pasto di questo giovane predatore appena affacciato alla vita; il maschio sicuramente starà provvedendo”.

Le ultime

Riscaldamento oceani, nuovo record nel 2020: il Mediterraneo è sempre più caldo e salato

Il contenuto termico degli oceani (l’energia termica presente nell'oceano sotto forma di calore) nel 2020 è il più elevato...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.