Mare trasparente dal satellite, è la capacità della natura di recuperare
M

I più letti

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

“L’orso e la formica”, ecco cos’è una specie ombrello: nasce il progetto multimediale sul grande predatore

“L’Orso e la Formica” è il primo progetto multimediale in Italia interamente dedicato all'orso bruno marsicano. Dopo anni di...

Agroalimentare, Patuanelli dice no al Nutriscore: “Etichettatura fuorviante”

“Il nuovo protagonismo dell’Italia in Europa è importante per difendere il Made in Italy agroalimentare dall’attacco di lobby e...

Pecoraro Scanio e Danovaro (Stazione Zoologica Anthon Dohrn): “Mare in salute fa bene all’Italia”    

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, e Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, il più antico istituto di ricerca italiano, in un video-appello diffuso sui social commentano le mappe dei mari italiani scattate dal satellite Copernicus sentinel 5P, con le immagini elaborate dalla piattaforma Onda della Serco di Frascati, nel periodo prima e durante il lockdown.

Alfonso Pecoraro Scanio: “Mari e fiumi italiani con acque limpide sono la dimostrazione che si può imparare da questa emergenza. Inquinare i nostri mari e fiumi significa far ammalare gli ambienti circostanti e danneggiare uno dei polmoni del Pianeta. Vivere sani in un mondo malato è impossibile, come ha detto il Papa, ecco perché ci serve un mondo pulito. E le immagini di questi giorni dimostrano che un mare sano è possibile anche senza pandemie, depurando tutti gli scarichi, bloccando la pesca insostenibile, difendendo gli habitat. Dobbiamo avere un atteggiamento più responsabile e ricordarci che mari e aria puliti sono possibili, anzi sono una necessità”.
Roberto Danovaro: “In questo momento di emergenza coronavirus, stiamo osservando la grande capacità della natura di recuperare, quello che in termini scientifici si chiama resilienza ecologica. L’uomo rappresenta un elemento di forte impatto sugli equilibri naturali, diminuire questa pressione permette alla natura di recuperare. Questi segnali che oggi ci appaiono così evidenti non rappresentano tuttavia il recupero totale del capitale naturale. Se riusciremo a trovare un modo per diminuire il nostro impatto, il ritorno sarebbe certo in termini di salute e di servizi ecosistemici: cibo sano, acqua pulita, aria respirabile”.

Le ultime

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.