Ghiaccio color porpora anche sulle Alpi Europee, merito di alghe che sopportano condizioni estreme
G

I più letti

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Non solo l’aumento della temperatura e la diminuzione delle precipitazioni: se il ghiaccio fonde è anche a causa di un fenomeno tutto naturale. Esistono alcune specie di alghe infatti, in grado di sopravvivere anche in condizioni estreme, che hanno l’effetto di scurire il ghiaccio e di contribuire alla sua fusione, anche sulle Alpi Europee. Il meccanismo scientifico di questo fenomeno è oggetto di una pubblicazione condotta da Biagio Di Mauro, ricercatore del dipartimento di Scienze dell’ambiente e della terra dell’Università di Milano-Bicocca, che ha ottenuto la pubblicazione dello studio “Glacier algae foster ice-albedo feedback in the European Alps” su Scientific Reports.

Biagio Di Mauro
Biagio Di Mauro

“La biodiversità in ambiente glaciale – spiega Di Mauro – ospita varie forme di vita tra cui le alghe unicellulari, che possono essere disperse più diffusamente sulla superficie del ghiacciaio e dare luogo a delle vere e proprie “esplosioni algali” durante la stagione di fusione estiva. Queste alghe hanno pigmenti fotosintetici che consentono loro di fare fotosintesi utilizzando la radiazione solare e l’anidride carbonica in atmosfera: la loro presenza ha l’effetto di scurire il ghiaccio in un processo noto come “bio-albedo feedback”. Un fenomeno che era già stato osservato in Groenlandia ma che è nuovo alle Alpi Europee.
“Il nostro studio – prosegue Di Mauro – per la prima volta ha mostrato che il processo di bio-albedo feedback può avvenire anche alle nostre latitudini. In particolare, i campioni raccolti al ghiacciaio del Morteratsch (Engadina, Svizzera) hanno permesso di sequenziare il DNA degli organismi presenti sulla superficie del ghiacciaio e studiarli al microscopio”. Eppure, oltre i pigmenti, c’è un altro elemento a determinare il colore porpora del ghiaccio.

“Sicuramente l’aumento della temperatura dell’aria e la diminuzione delle precipitazioni nevose giocano un ruolo fondamentale nella fusione dei ghiacciai Alpini. Le alghe in questo caso hanno l’effetto di far aumentare la quantità di radiazione assorbita dal ghiaccio e quindi incrementarne la fusione estiva”. Il che sostanzialmente, significa che queste comunità algali possano indirettamente contribuire allo scioglimento dei ghiacciai, valutazione oggetto dei prossimi passi di questa ricerca: “Stiamo già da qualche anno lavorando alla creazione di modelli digitali dei ghiacciai tramite l’utilizzo di droni”, conclude Di Mauro Speriamo che per l’estate l’emergenza Coronavirus sia rientrata, così potremo tornare sul ghiacciaio del Morteratsch per acquisire nuove misure. Il prossimo passo sarà quello di mappare la concentrazione di alghe sul ghiaccio a partire da immagini acquisite da drone e da satellite, e così valutare l’effetto delle alghe sui bilanci di massa dei ghiacciai.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.