Ripresa della selvicoltura: “No alle deroghe sui tagli: è tardi, siamo in periodo vegetativo”
R

I più letti

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Al Presidente della Regione Enrico Rossi ed agli Assessori competenti, una lettera da parte del WWF Toscana nella quale si concentra l’attenzione su un tema di prima attualità: la ripresa dei lavori di selvicoltura. “In conseguenza della possibilità di ripresa delle attività prevista dall’ultimo decreto del Governo per far fronte all’emergenza Covid-19 – spiega il WWF – risultano in corso pressioni affinché siano concesse deroghe ai termini dei periodi di taglio del bosco ceduo stabiliti dalla normativa forestale. Ma il periodo in cui è consentito il taglio e l’esbosco del bosco ceduo è stabilito dalla normativa forestale regionale al fine di concentrare le operazioni di taglio durante il riposo vegetativo autunnale ed invernale, per garantire la capacità di rinnovamento delle ceppaie e per non danneggiarle con le operazioni di esbosco”.

A tal proposito l’associazione ambientalista si dichiara decisamente contraria all’eventuale posticipazione della data di cessazione delle attività di utilizzazione previste dalla normativa in vigore. “Infatti – spiegano – a seguito di questo inverno particolarmente mite e arido, si è avuta una generalizzata anticipazione della ripresa vegetativa primaverile (che ha persino spinto a inizio anno alcune province italiane ad anticipare la scadenza dell’epoca di taglio per soprassuoli sotto i 700 m. slm.). Riteniamo quindi che tagliare le piante legnose in questo periodo, nella loro fase di vita annuale più intensa dal punto di vista biologico, ed entrare con i mezzi in bosco per l’allestimento del legname, esponga il bosco a gravi rischi come il danneggiamento dei germogli appena ricacciati o l’aumento di mortalità legato all’indebolimento delle ceppaie e quindi alla degradazione dell’ecosistema, che in molti casi è già alterato per cause varie, compresa la gestione forestale non adeguata. Inoltre, non è da trascurare l’elevato rischio di incendio dovuto alla presenza di maestranze e mezzi in ambienti provati dalla lunga siccità primaverile, la stessa che ha indotto la Regione ad adottare il divieto di abbruciamento (tutt’ora in vigore) già dal mese di marzo. A fronte di tutte le sopra richiamate evidenze scientifiche il WWF – conclude la nota – ritiene che la richiesta di deroghe alle epoche di taglio ed esbosco dei boschi cedui debba essere decisamente respinta. Soprattutto perché la tutela dei boschi è importantissima per mitigare gli effetti del cambiamento climatico, per la biodiversità e per la mitigazione degli effetti di frane ed allagamenti che spesso colpiscono le comunità a valle”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.