Addio a Luis Sepulveda: lo scrittore ecologista ha perso la battaglia contro il Coronavirus
A

I più letti

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Enpa: “Sepulveda, un vero amante degli animali che ha insegnato il rispetto per gli altri e per l’ambiente che ci circonda ad intere generazioni”

Lo scrittore Luis Sepulveda è morto a causa di complicazioni insorte dopo aver contratto il coronavirus a Oviedo, in Spagna: aveva 70 anni. L’autore de “Storia di una Gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare”, diventato un film d’animazione per la regia Enzo D’Alo’, nacque in Cile nel 1949 e fu un combattente, arrestato due volte e condannato all’esilio durante la dittatura di Pinochet, nemico del neoliberismo ed ecologista convinto. Sepulveda, che aveva ottenuto di nuovo la cittadinanza cilena nel 2017, è stato senz’altro un punto di riferimento dell’ambientalismo internazionale.

Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa, commenta così la sua scomparsa: “Sono in tanti oggi a provare un senso di dolore, rabbia ma soprattutto riconoscenza. Dolore e rabbia perché rimane la sensazione che questa incredibile tragedia, che sta colpendo il mondo intero e che oggi ha portato via anche lo scrittore Luis Sepulveda, poteva essere evitata. Si potevano cogliere i segnali, la necessità di ristabilire il rispetto e la tutela per l’ambiente che ci circonda. Riconoscenza perché con le sue favole e i suoi personaggi, principalmente animali, Sepulveda ha cresciuto piccoli e grandi sognatori che sono in grado di intravedere un altro mondo dove regnano principi umani di solidarietà, rispetto e fratellanza. Dove la lentezza, intesa come capacità di soffermarsi a capire e riflettere, è ancora un valore. Dove i protagonisti reagiscono, osano e alla fine trovano la strada per spiccare il volo. Come presidente dell’Ente Nazionale Protezione Animali oggi sento di dover ringraziare l’incredibile patrimonio che un uomo così sensibile e amante degli animali ci ha lasciato. Sepulveda era un vero animalista, per lui gli animali erano famiglia. Aveva gatti, cani, cavalli, pecore, lama, ricci e persino una rana. E a chi gli chiedeva come facesse rispondeva ‘la vita con gli animali non è così difficile come qualcuno crede, basta rispettare i loro spazi e insegnare loro a rispettare i nostri’. Rispetto è la parola chiave dalla quale ripartire, ora più di sempre”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.