Addio a Luis Sepulveda: lo scrittore ecologista ha perso la battaglia contro il Coronavirus
A

La striscia

Enpa: “Sepulveda, un vero amante degli animali che ha insegnato il rispetto per gli altri e per l’ambiente che ci circonda ad intere generazioni”

Lo scrittore Luis Sepulveda è morto a causa di complicazioni insorte dopo aver contratto il coronavirus a Oviedo, in Spagna: aveva 70 anni. L’autore de “Storia di una Gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare”, diventato un film d’animazione per la regia Enzo D’Alo’, nacque in Cile nel 1949 e fu un combattente, arrestato due volte e condannato all’esilio durante la dittatura di Pinochet, nemico del neoliberismo ed ecologista convinto. Sepulveda, che aveva ottenuto di nuovo la cittadinanza cilena nel 2017, è stato senz’altro un punto di riferimento dell’ambientalismo internazionale.

Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa, commenta così la sua scomparsa: “Sono in tanti oggi a provare un senso di dolore, rabbia ma soprattutto riconoscenza. Dolore e rabbia perché rimane la sensazione che questa incredibile tragedia, che sta colpendo il mondo intero e che oggi ha portato via anche lo scrittore Luis Sepulveda, poteva essere evitata. Si potevano cogliere i segnali, la necessità di ristabilire il rispetto e la tutela per l’ambiente che ci circonda. Riconoscenza perché con le sue favole e i suoi personaggi, principalmente animali, Sepulveda ha cresciuto piccoli e grandi sognatori che sono in grado di intravedere un altro mondo dove regnano principi umani di solidarietà, rispetto e fratellanza. Dove la lentezza, intesa come capacità di soffermarsi a capire e riflettere, è ancora un valore. Dove i protagonisti reagiscono, osano e alla fine trovano la strada per spiccare il volo. Come presidente dell’Ente Nazionale Protezione Animali oggi sento di dover ringraziare l’incredibile patrimonio che un uomo così sensibile e amante degli animali ci ha lasciato. Sepulveda era un vero animalista, per lui gli animali erano famiglia. Aveva gatti, cani, cavalli, pecore, lama, ricci e persino una rana. E a chi gli chiedeva come facesse rispondeva ‘la vita con gli animali non è così difficile come qualcuno crede, basta rispettare i loro spazi e insegnare loro a rispettare i nostri’. Rispetto è la parola chiave dalla quale ripartire, ora più di sempre”.

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.