Biologico, gli imprenditori sul decreto rotazioni: “Bene ma eliminare alcune premesse alla monocoltura”
B

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

“Una boccata d’ossigeno”: così è salutato dall’Associazione Italiana Agricoltura Biologica il decreto rotazioni, firmato due giorni fa dal Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova. Segno evidente che si è trattato di una norma attesa da tempo da parte degli imprenditori agricoli del bio per i quali – segnala Aiab – non avrebbero potuto sostenere un’altra stagione di semine con il precedente decreto in vigore e l’indefinita situazione che si era creata.
Il provvedimento, che definisce con maggiore chiarezza la questione degli avvicendamenti colturali, ha il suo principale punto di forza nel riconoscimento della pratica del sovescio nel conteggio delle colture avvicendate. Cosa che rappresenta il recupero di un grave errore contenuto nel precedente decreto e sulla quale confidavano i rappresentanti del settore riuniti nel Tavolo tecnico del biologico presso il MiPAAF. “Per il futuro – avverte Aiab – sarà necessaria una riflessione sull’impalcatura del decreto che invece di basarsi sui “cicli colturali”, che sono la base delle rotazioni, si riferisce genericamente a “colture principali” terminologia mutuata dalla PAC con un allontanamento dai criteri agronomici del metodo biologico. Questo esclude, tra l’altro, il riconoscimento delle colture di secondo raccolto che entrano a pieno titolo nelle rotazioni agrarie e sono molto praticate in presenza della risorsa idrica”. 

Sovescio in vigna

“Ma i dubbi più grossi, sugli obbiettivi del DM – dice Antonio Corbari, presidente di AIAB –  ci vengono dalla equiparazione della pratica del maggese (terreno lavorato e lasciato scoperto per almeno 6 mesi quindi a rischio erosione e desertificazione) a una coltura leguminosa. Questa è la premessa per la mono successione, non certo in linea con i principi del biologico e spalanca le porte alla monocoltura cerealicola, quel modo di fare agricoltura che nello scorso secolo ha distrutto la fertilità dei suoli e, di conseguenza, la redditività di tante aziende. Allo stesso modo non vengono menzionate le “consociazioni”, pratica oggi innovativa,  di grande interesse agroecologico e di fondamentale importanza per il mantenimento della fertilità dei suoli e la resilienza delle colture, lasciando un vulnus nella definizione degli avvicendamenti”. 

Inoltre il Ministero dovrebbe chiarire la questione importante delle deroghe regionali, concesse precedentemente dal MIPAAF, e di cui non c’è traccia in questo decreto ma che dovrebbero essere rimosse, anche perché genererebbero confusione depotenziando il decreto stesso. “Insomma – conclude Corbari – va bene il passo fatto nella direzione dell’importanza che il settore sta sempre più dimostrando di avere nella produzione italiana ma ci auguriamo che il Ministero possa far luce sulle questioni rimaste irrisolte e apportare gli aggiustamenti necessari che possano rendere il metodo biologico sempre più presente nella filiera italiana, senza che questo si traduca in un allontanamento dai valori e i principi fondamentali del metodo biologico”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.