Biodiversità della sabbia, Cnr: “Tenere alcune spiagge chiuse è fondamentale per proteggerle”

I più letti

Uno studio pubblicato su Communications Biology, coordinato dall’Istituto di ricerca sulle acque del Cnr in collaborazione con il Parco nazionale dell’Asinara e varie università, dimostra che la sabbia delle spiagge ospita una sorprendente diversità faunistica costituita da una miriade di microscopici e bizzarri animali la cui esistenza può essere minacciata dai turisti che semplicemente camminano sulla sabbia. Taluni parchi e aree marine protette mantengono alcune spiagge completamente chiuse all’accesso di turisti a tutela della conservazione dell’ambiente e a danno delle attività turistiche, spesso fulcro dell’economia locale delle aree protette. La risposta sulla vantaggiosità e necessità di tale limitazione arriva da uno studio internazionale pubblicato sulla rivista Communications Biology e coordinato dall’Istituto di ricerca sulle acque del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irsa), in collaborazione con il Parco nazionale dell’Asinara, l’Istituto di biomembrane, bioenergetica e biotecnologie molecolari (Cnr-Ibiom), l’infrastruttura LifeWatch Italia, le Università di Sassari, di Modena e Reggio Emilia ed altre straniere. “Dal punto di vista della biodiversità, il nostro approccio integrato di analisi faunistiche ed ecologiche con metodi tradizionali e con metodi basati su DNA prelevato in ambiente ha dimostrato che, anche in una zona piccola come l’isola dell’Asinara, su un totale di circa 200 specie di invertebrati microscopici rinvenute nelle spiagge si registrano oltre 80 specie finora ignote”, spiegano Alejandro Martínez ed Ester Eckert del Cnr-Irsa. “Questi alti livelli di biodiversità dimostrano quanto ancora poco sappiamo della vita che ci circonda, soprattutto per quanto riguarda animali microscopici che vivono nella sabbia e nei sedimenti. In mancanza di tale conoscenza diventa impossibile studiare le molteplici funzioni ecologiche fondamentali – trasformazione, riciclo e trasporto della sostanza organica ai vari livelli della rete trofica – svolte da tale specie e gli impatti esercitati su di loro dalle attività umane”. “Dal punto di vista della gestione e conservazione ambientale, i risultati dello studio dimostrano come tenere alcune spiagge chiuse al pubblico sia una scelta fondamentale per mantenere elevati livelli di biodiversità, in particolare per permettere la diversificazione degli organismi microscopici che vivono nella sabbia e nei sedimenti marini litorali”, prosegue Vittorio Gazale, direttore del Parco nazionale dell’Asinara e coautore dello studio. “Anche spiagge con minima affluenza turistica hanno dimostrato un cambiamento in vari parametri di ricchezza e composizione in specie, con un effetto maggiore in spiagge ad alta affluenza di turisti”. “Studi come questo, dove la ricerca di base viene applicata a sostegno delle decisioni politiche in campo ambientale, sono essenziali per fornire le basi di una corretta elaborazione di adeguati piani di gestione di parchi ed aree protette volti a limitare l’impatto umano in ambiente”, conclude Diego Fontaneto del Cnr-Irsa, “e potrebbero essere usati per comprendere gli effetti ambientali della diminuzione dell’impatto antropico a causa del lockdown durante l’emergenza Covid-19”.

Le ultime

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Al via dal 1° agosto il primo master italiano in “Medicina Ambientale”

Grazie alla partnership tra la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e l'Università degli Studi Niccolò Cusano partirà...

Catturato il lupo di Alimini, ora le analisi genetiche: verrà trasferito nel Centro di Monte Adone

Operazione in notturna condotta dai tecnici Parco Majella in continuo contatto con ISPRA, alta probabilità che avesse il collareCatturato il lupo che da diverse...

Nate due leoncine asiatiche in pericolo di estinzione al Bioparco di Roma

Alla presenza della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, sono stati presentati...

Orsa Gaia, Costa ricorre al TAR: “Abbattimento misura sproporzionata”

"La convivenza tra predatori e uomini è possibile", è convinto il Ministro."Abbiamo formalizzato ieri sera la richiesta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di proporre...

Forse ti può interessare anche