La riscossa delle aree marine protette: insieme per la ripartenza
L

I più letti

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Misurare la CO2 in classe per prevenire il contagio: al via in 12 scuole pugliesi il progetto pilota di SIMA

Parte dalla Regione Puglia il progetto pilota “Misuriamo la CO2 a scuola” della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA)....

BacktoWork, nasce la piattaforma che consente di investire sulla pellicola alimentare ecocompatibile

Venerdì 22 gennaio è iniziata la #rivoluzionegreen di Beeopak Srl, la startup nata a Torino nel 2019, produttrice dell’involucro...

Diciotto aree marine protette hanno discusso con la Federazione soprattutto di come gestire la ripresa dopo il lockdown, costituiti tre gruppi di lavoro

Riunione telematica per le aree marine protette italiane che stanno facendo quadrato per ottimizzare, alla ripartenza post-lockdown, risorse e finanze già esigue. Tra i vertici di Federparchi e 18 dirigenti delle AMP vi è stata un’ampia convergenza sulla necessità di affrontare le questioni in un’ottica di sistema e di collaborazione reciproca, evitando frazionamenti e affinché la Federparchi  assuma in pieno la rappresentanza delle aree marine.

Al fine di sviluppare un’azione strutturata di coordinamento sono stati costituiti tre gruppi di lavoro. Il primo gruppo riguarda la “Fase Due” e tutto ciò che afferisce alle modalità di ripresa della attività dopo il blocco; il gruppo è coordinato da Augusto Navone direttore della AMP Tavolara-Punta Coda Cavallo. Il secondo affronterà i temi legati alle problematiche della gestione ordinaria, ossia regolamenti, disciplinari, vigilanza e quant’altro attiene all’attività quotidianità delle AMP; coordinato da Salvatore Livreri Console direttore della AMP delle Isole Egadi. Il terzo gruppo, infine, coordinato da Antonio Miccio direttore AMP Punta Campanella, si occuperà  dei temi legati alle  risorse finanziarie, comprensivi dell’accesso a fondi ed a progetti  nazionali ed internazionali.

Federparchi, inoltre, ha assunto l’impegno di rappresentare presso il Ministero dell’Ambiente le difficoltà economiche in cui si ritrovano le Aree marine a seguito del lockdown.  Il venire meno dell’autofinanziamento collegato con le attività di turismo sostenibile in esse praticate, costituisce un problema non da poco per le esigue finanze delle Amp, già dotate di scarsi fondi, e comporta la necessità di interventi straordinari di sostegno. Il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, nelle sue conclusioni,  ha anche ribadito la determinazione a portare avanti, nel confronto con governo e Parlamento, la proposta di estensione delle Zone Economiche Ambientali, oggi previste per i soli parchi nazionali,  a tutte le Aree Protette e, quindi, anche alle aree marine.  In tal modo anche le AMP avrebbero accesso  ai benefici e alle agevolazioni  delle ZEA  al fine di divenire anch’esse un punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile del territorio.

Le ultime

Misurare la CO2 in classe per prevenire il contagio: al via in 12 scuole pugliesi il progetto pilota di SIMA

Parte dalla Regione Puglia il progetto pilota “Misuriamo la CO2 a scuola” della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA)....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.