La proposta al governo e il piano per ripartire: i parchi naturali sono pronti
L

La striscia

Elena Livia Pennacchioni
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Ascolta “La proposta al governo e il piano per ripartire: i parchi naturali sono pronti” su Spreaker.

Ai nostri microfoni Giampiero Sammuri, presidente della Federazione Italiana Parchi e Riserve Naturali.

C’è un aspetto della fase due probabilmente sognato da molti durante i giorni più duri del lockdown: quello della riapertura delle aree naturali del nostro Paese. Che si tratti di trekking, sport oudoor o turismo slow, parliamo di abitudini che muovono davvero un gran numero di appassionati, spesso animati dalla volontà di ammirare dei patrimoni di biodiversità unici. Tuttavia, nei parchi naturali e nelle aree protette italiane non vive solo la biodiversità ma sopravvive anche un’economia importantissima fatta di agriturismi, aziende agricole, punti ristoro e molto altro, per i quali le modalità di riapertura possono fare la differenza tra la sopravvivenza e ingenti difficoltà. E allora abbiamo chiesto a chi conosce perfettamente queste realtà, in che modo si stiano preparando a quella che sembra ormai un’imminente fase due.

FLASH

Le ultime

Spazi fluidi grazie ad aperture che giocano con la luce. Come i portoncini Infinity della linea Tenvis di Oknoplast.

(Adnkronos) - MILANO, 5 dicembre 2022 /PRNewswire/ -- Spazi delimitati, ma interconnessi. La percezione della propria abitazione come luogo raccolto...

Forse ti può interessare anche