“Ti senti”, la campagna di Enpa per comprendere lo stato d’animo degli animali

I più letti

Coronavirus e “Fase 2”, Enpa lancia la campagna per sensibilizzare sulle condizioni di costrizione che viviamo noi umani in questa fase e che sono riservate a miliardi di animali in Italia e nel mondo

L’Italia si prepara alla Fase 2 dell’emergenza coronavirus, “ma i sentimenti di costrizione e di privazione che abbiamo tutti vissuto in queste settimane per necessità – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali – noi umani li riserviamo tutti i giorni a miliardi di animali in Italia e nel mondo”. Parte oggi dunque sui social network la campagna “Ti senti” dell’Ente Nazionale Protezione Animali.

“Costretti a casa – continua l’associazione – ci siamo sentiti (e ci sentiamo) avviliti, annoiati, afflitti, confinati, disperati. Ci sentiamo “in gabbia”. E, ancora, impotenti, inermi, irritati, isolati, impauriti, prigionieri, in pericolo. La campagna “Ti senti” (composta da ben cinquanta soggetti) è l’occasione per riflettere sul fatto che una condizione necessaria ma temporanea imposta all’essere umano per contenere il contagio del coronavirus, in realtà è purtroppo “normale” per miliardi di animali, ed è imposta loro proprio dall’uomo. Gli animali esotici in gabbia, gli animali sfruttati, quelli del circo, gli animali da allevamento e quelli da reddito ma anche gli animali cacciabili vivono nella loro quotidianità – dalla nascita e per tutta la vita – gli stessi sentimenti e gli stessi stati d’animo che l’uomo è costretto a subire da marzo per difendersi dal coronarivus. Similitudini inquietanti – dichiara la Protezione Animali – sulle quali è necessario riflettere”.

Per Enpa, questa campagna è una importante occasione per far comprendere all’essere umano, tramite il meccanismo dell’immedesimazione, che le privazioni necessarie a noi imposte per contenere il coronavirus, in realtà sono da sempre imposte a miliardi di animali: se la minaccia temporanea per l’uomo è il Covid-19, la minaccia per gli animali è l’uomo. È necessario – secondo la Protezione Animali – imparare da questa esperienza e eliminare la sofferenza degli animali da compagnia, da allevamento, selvatici ed esotici. Condividiamo – ricorda Enpa – lo stesso pianeta e tocca all’uomo, finalmente, considerare che gli animali sono esseri senzienti; tutti gli animali, non solo quelli da compagnia che nelle ultime settimane ci hanno consentito di uscire di casa.

Le ultime

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Al via dal 1° agosto il primo master italiano in “Medicina Ambientale”

Grazie alla partnership tra la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e l'Università degli Studi Niccolò Cusano partirà...

Catturato il lupo di Alimini, ora le analisi genetiche: verrà trasferito nel Centro di Monte Adone

Operazione in notturna condotta dai tecnici Parco Majella in continuo contatto con ISPRA, alta probabilità che avesse il collareCatturato il lupo che da diverse...

Nate due leoncine asiatiche in pericolo di estinzione al Bioparco di Roma

Alla presenza della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, sono stati presentati...

Orsa Gaia, Costa ricorre al TAR: “Abbattimento misura sproporzionata”

"La convivenza tra predatori e uomini è possibile", è convinto il Ministro."Abbiamo formalizzato ieri sera la richiesta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di proporre...

Forse ti può interessare anche