“Ti senti”, la campagna di Enpa per comprendere lo stato d’animo degli animali

La striscia disallineata

Riaprite le biblioteche a tutti i ragazzi!

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta di alcuni bibliotecari italiani ai propri colleghi. "RIAPRIRE LE BIBLIOTECHE A TUTTI I RAGAZZI” Cose...

Coronavirus e “Fase 2”, Enpa lancia la campagna per sensibilizzare sulle condizioni di costrizione che viviamo noi umani in questa fase e che sono riservate a miliardi di animali in Italia e nel mondo

L’Italia si prepara alla Fase 2 dell’emergenza coronavirus, “ma i sentimenti di costrizione e di privazione che abbiamo tutti vissuto in queste settimane per necessità – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali – noi umani li riserviamo tutti i giorni a miliardi di animali in Italia e nel mondo”. Parte oggi dunque sui social network la campagna “Ti senti” dell’Ente Nazionale Protezione Animali.

“Costretti a casa – continua l’associazione – ci siamo sentiti (e ci sentiamo) avviliti, annoiati, afflitti, confinati, disperati. Ci sentiamo “in gabbia”. E, ancora, impotenti, inermi, irritati, isolati, impauriti, prigionieri, in pericolo. La campagna “Ti senti” (composta da ben cinquanta soggetti) è l’occasione per riflettere sul fatto che una condizione necessaria ma temporanea imposta all’essere umano per contenere il contagio del coronavirus, in realtà è purtroppo “normale” per miliardi di animali, ed è imposta loro proprio dall’uomo. Gli animali esotici in gabbia, gli animali sfruttati, quelli del circo, gli animali da allevamento e quelli da reddito ma anche gli animali cacciabili vivono nella loro quotidianità – dalla nascita e per tutta la vita – gli stessi sentimenti e gli stessi stati d’animo che l’uomo è costretto a subire da marzo per difendersi dal coronarivus. Similitudini inquietanti – dichiara la Protezione Animali – sulle quali è necessario riflettere”.

Per Enpa, questa campagna è una importante occasione per far comprendere all’essere umano, tramite il meccanismo dell’immedesimazione, che le privazioni necessarie a noi imposte per contenere il coronavirus, in realtà sono da sempre imposte a miliardi di animali: se la minaccia temporanea per l’uomo è il Covid-19, la minaccia per gli animali è l’uomo. È necessario – secondo la Protezione Animali – imparare da questa esperienza e eliminare la sofferenza degli animali da compagnia, da allevamento, selvatici ed esotici. Condividiamo – ricorda Enpa – lo stesso pianeta e tocca all’uomo, finalmente, considerare che gli animali sono esseri senzienti; tutti gli animali, non solo quelli da compagnia che nelle ultime settimane ci hanno consentito di uscire di casa.

FLASH

Le ultime

Cowspiracy e non solo: i documentari a tema ambientale disponibili su Netflix

È importante tenersi aggiornati sui temi legati all’ambiente, perché si parla di un argomento che riguarda da vicino tutti...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.