“Ti senti”, la campagna di Enpa per comprendere lo stato d’animo degli animali

I più letti

Coronavirus e “Fase 2”, Enpa lancia la campagna per sensibilizzare sulle condizioni di costrizione che viviamo noi umani in questa fase e che sono riservate a miliardi di animali in Italia e nel mondo

L’Italia si prepara alla Fase 2 dell’emergenza coronavirus, “ma i sentimenti di costrizione e di privazione che abbiamo tutti vissuto in queste settimane per necessità – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali – noi umani li riserviamo tutti i giorni a miliardi di animali in Italia e nel mondo”. Parte oggi dunque sui social network la campagna “Ti senti” dell’Ente Nazionale Protezione Animali.

“Costretti a casa – continua l’associazione – ci siamo sentiti (e ci sentiamo) avviliti, annoiati, afflitti, confinati, disperati. Ci sentiamo “in gabbia”. E, ancora, impotenti, inermi, irritati, isolati, impauriti, prigionieri, in pericolo. La campagna “Ti senti” (composta da ben cinquanta soggetti) è l’occasione per riflettere sul fatto che una condizione necessaria ma temporanea imposta all’essere umano per contenere il contagio del coronavirus, in realtà è purtroppo “normale” per miliardi di animali, ed è imposta loro proprio dall’uomo. Gli animali esotici in gabbia, gli animali sfruttati, quelli del circo, gli animali da allevamento e quelli da reddito ma anche gli animali cacciabili vivono nella loro quotidianità – dalla nascita e per tutta la vita – gli stessi sentimenti e gli stessi stati d’animo che l’uomo è costretto a subire da marzo per difendersi dal coronarivus. Similitudini inquietanti – dichiara la Protezione Animali – sulle quali è necessario riflettere”.

Per Enpa, questa campagna è una importante occasione per far comprendere all’essere umano, tramite il meccanismo dell’immedesimazione, che le privazioni necessarie a noi imposte per contenere il coronavirus, in realtà sono da sempre imposte a miliardi di animali: se la minaccia temporanea per l’uomo è il Covid-19, la minaccia per gli animali è l’uomo. È necessario – secondo la Protezione Animali – imparare da questa esperienza e eliminare la sofferenza degli animali da compagnia, da allevamento, selvatici ed esotici. Condividiamo – ricorda Enpa – lo stesso pianeta e tocca all’uomo, finalmente, considerare che gli animali sono esseri senzienti; tutti gli animali, non solo quelli da compagnia che nelle ultime settimane ci hanno consentito di uscire di casa.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.