Canapa dai mille usi, arriva il manifesto per il rilancio della filiera
C

I più letti

Giornata Mondiale dell’Alimentazione, “la pandemia che affama l’Italia”: donne e minori i più colpiti dalla povertà alimentare

Sono i minori e le donne i soggetti più esposti alla povertà alimentare, il lockdown ha aumentato l’insicurezza alimentare...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

Come sarà l’economia circolare del futuro?

San Francesco d'Assisi è stato una delle persone più importanti del mondo religioso. Egli simboleggia un...

“Di fronte a una situazione senza precedenti – si legge in una nota di Federcanapa – molti aspetti della nostra vita saranno soggetti a un profondo cambiamento. La crisi attuale ha infatti il potenziale di favorire nuovi modelli sociali, sanitari, politici ed economici che influenzeranno gli stili di vita delle generazioni future. In questo contesto, l’Italia non può sbagliare direzione”. E allora, la federazione italiana che riunisce gli imprenditori della filiera della canapa, “prende posizione sul futuro dell’Italia e dell’Europa presentando il Manifesto della canapa, realizzato con la nostra collaborazione dall’Associazione europea della canapa industriale (EIHA), rappresentante del settore europeo degli operatori del settore”.

“Con questo documento intendiamo suggerire un approccio che consenta di valorizzare il potenziale della pianta di canapa in tutte le sue componenti, al fine di accelerare la transizione verso una bioeconomia sostenibile e “zero emissioni”. Oltre i preconcetti, la canapa può diventare un alleato di una ripresa economica verde. Come? In questo Manifesto indichiamo 10 punti chiave che forniscono proposte da trasformare in azioni concrete”.

Nel caso italiano tuttavia, la richiesta è che siano finalmente sbloccati i fondi previsti dalla legge sulla canapa industriale (L.242/2016) e altri incentivi per sostenere la realizzazione di prodotti a base di canapa, in sostituzione di fibre artificiali e materiali non rinnovabili, quali ad esempio blocchi strutturali, intonaci e isolanti per edilizia, fibre per tessuti non tessuti, materiali compositi per componentistica e così via.

“Le soluzioni che proponiamo sono sostenibili, innovative e tangibili – prosegue la nota – e il settore italiano ed europeo della canapa industriale è pronto a partecipare attivamente a questo cambiamento”.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.