Capri, l’area marina protetta è sempre più vicina
C

I più letti

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Riunione in videoconferenza al ministero dell’Ambiente: terminati gli studi dell’Ispra  sulle valenze ambientali, che ora dovranno essere integrati con i dati socio-economici

Procedono regolarmente e nei tempi previsti, nonostante l’emergenza sanitaria in corso, le attività per l’istituzione dell’area marina protetta di Capri: si è svolta in videoconferenza una riunione convocata dal ministero dell’Ambiente con le amministrazioni comunali coinvolte (Comuni di Capri e Anacapri) per un confronto necessario per il proseguimento delle attività istruttorie, alla luce degli studi condotti dall’Ispra, che ha partecipato al videocollegamento. Come è emerso nel corso della riunione, l’Ispra ha concluso la fase preliminare degli studi propedeutici all’istituzione dell’area marina protetta e ha elaborato le informazioni sulle valenze ambientali, da integrare, successivamente, con gli aspetti socio-economici.

A tal fine, il ministero ha illustrato ai Comuni interessati gli impegni e gli adempimenti che questi dovranno svolgere. I Comuni individueranno i principali rappresentanti delle associazioni di categoria per un contributo all’acquisizione dei dati socioeconomici dell’area necessari al completamento degli studi e alla definizione della proposta di perimetrazione e zonazione a cura dell’Ispra. “L’iter per l’istituzione dell’area marina protetta di Capri procede nei tempi previsti, nonostante l’emergenza Covid-19 – afferma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. E’ mio impegno monitorarlo in tutti i suoi passaggi, affinché lo scrigno di biodiversità costituito da quest’area sia adeguatamente tutelato e gli abitanti del luogo possano fare della conservazione ambientale un’occasione di valorizzazione e sviluppo”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.