Lockdown, fratini e beccacce hanno nidificato in spiaggia: “Ora attenzione ai lavori di pulizia”
L

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Sui litorali italiani, i due mesi di assenza dell’attività umana hanno inciso positivamente sull’avanzata della biodiversità che in molti casi, si è riappropriata dei propri ecosistemi. È il caso di alcune specie di avifauna hanno fatto delle spiagge l’habitat su cui nidificare.

“Un’abitudine nuova – si legge in una nota del Sistema Nazionale di Protezione Ambientale – che porta con sè diversi problemi e che, se non tutelata, potrebbe compromettere la riproduzione di diverse specie. Non sappiamo ancora come si svolgerà per i bagnanti la prossima stagione balneare, ma sicuramente inizieranno a breve i lavori di pulizia e manutenzione dei litorali. Operazioni che dovranno tener conto della presenza di tanti nidi di beccaccia di mare (Haematopus ostralegus) o di fratino (Charadrius alexandrinus), specie che quest’anno hanno utilizzato per la riproduzione non solo le aree protette ma anche i litorali normalmente usati dall’uomo. Peccato che per le prime esistessero norme ben precise per proteggere i nidi, mentre per le spiagge non ne esistono di simili”.

Per questa ragione dunque, Ispra ha condiviso l’appello delle associazioni ambientaliste guidate proprio dal Comitato Fratino, affinchè alle attività di pulizia delle spiagge si affianchino anche quelle di monitoraggio delle nidificazioni in atto. A breve l’Istituto rilascerà un protocollo operativo per attivare sistemi di allerta e risposta per la tutela dell’avifauna costiera.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.