Biodiversità urbana: dal MUSE la mappa sonora interattiva dei piccoli animali
B

I più letti

Come la nuova concezione dell’abitare può veramente rispettare e integrarsi nell’ambiente

Come architetti ci interroghiamo alla continua ricerca di un equilibrio tra contesto e cliente ma la risposta è un’altra domanda: come è cambiata la concezione dell’abitare? Oggi finalmente è il committente a chiedere soluzioni...

Riscaldamento oceani, nuovo record nel 2020: il Mediterraneo è sempre più caldo e salato

Il contenuto termico degli oceani (l’energia termica presente nell'oceano sotto forma di calore) nel 2020 è il più elevato...

Covid, l’emergenza costa alle stalle italiane 1,7 miliardi: Coldiretti scrive a Conte

L’emergenza Covid è costata sino ad oggi alle stalle italiane 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite,...

Un’esplorazione multimediale per riconoscere le specie di uccelli e altri piccoli animali che popolano città e campagne dell’Italia Settentrionale: cinque ambienti e cinque mappe interattive per conoscere gli abitanti non umani delle città e dei loro dintorni dell’Italia Settentrionale. Il racconto della biodiversità urbana e l’importanza di mantenere intatti i piccoli angoli di natura vicini a casa targate MUSE.

Dalla tortora dal collare al riccio europeo, dal balestruccio al ramarro. Cinque ambienti ai margini della città, oltre 50 specie animali, disegnate, sonorizzate e raccontate, e una piattaforma che raccoglie foto e informazioni sugli abitanti dei dintorni di casa. Il MUSE – Museo delle Scienze di Trento lancia una nuova e originale proposta online, “Suoni di vita in città”, dedicata alla biodiversità urbana: una mappa interattiva per scoprire gli uccelli più comuni e altri piccoli animali che popolano gli spazi verdi delle nostre città. Una mappa che aiuta ad identificare le specie più presenti negli agglomerati cittadini di fondovalle e nei sobborghi alpini dell’Italia Settentrionale.
Nella nuova situazione della città, grazie al minor traffico e rumore di fondo, abbiamo riscoperto il canto degli uccelli fuori dalle nostre finestre e interi “ecosistemi” ai quali non avevamo prestato attenzione. Questa originale produzione, a portata di link, ci aiuta a riconoscere le specie più caratteristiche tra quelle che frequentano i nostri ambienti urbani e sub urbani. “Si tratta di specie – spiega Osvaldo Negra, biologo della Sezione Zoologia dei Vertebrati del MUSE, curatore della produzione di questo multimediale – che sono riuscite, a volte in tempi molto lontani, a volte negli ultimi decenni, a trovare una nicchia ecologica in contesto urbano. Alcune di esse ci vivono accanto, animando gli spazi in cui trascorriamo la nostra quotidianità. Conoscerle “per nome e per canto” è un modo per dare valore alla biodiversità urbana e metterci nella posizione di difenderla come valore per la qualità e la vivibilità stessa delle nostre città. Proprio a questa nuova consapevolezza di un’antica vicinanza è dedicata questa guida interattiva».
Sulla home del progetto, infine, è possibile scaricare la Guida alla biodiversità urbana in Trentino Alto-Adige, curata da MUSE, WWF e Società di scienze naturali del Trentino.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.