Jagu e gli altri vanno in pensione, l’Esercito rende adottabili gli eroi a quattro zampe
J

I più letti

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e...

Sul sito dell’Esercito è possibile visionare le schede degli esemplari e compilare la domanda di adozione

Anche gli amici a quattro zampe dell’Esercito, come i soldati che li accudiscono, vanno in pensione dopo anni di intensa attività operativa che li vede impegnati – con il loro conducente – in molte delle missioni all’estero che coinvolgono le Forze armate italiane. In quei contesti, i binomi cinofili sono principalmente impiegati per aumentare la protezione dei contingenti dalle minacce derivanti da atti e/o elementi ostili. Grazie all’eccezionale fiuto e al profondo rapporto che instaurano con il proprio conducente, i cani militari, opportunamente addestrati, consentono di individuare armi, munizioni, mine e ordigni esplosivi improvvisati facilitando le operazioni di sequestro e bonifica a vantaggio della sicurezza di tutto il personale e delle popolazioni delle aree di crisi. Ma si sa, la carriera prima o poi si conclude per tutti. La pensione rappresenta però solo un passaggio di consegne, perché i nostri colleghi “a quattro zampe” possono ancora arricchire, con il loro affetto e la voglia di giocare, chiunque sia in grado di poterli accogliere e condividere insieme con loro affetti ed emozioni. L’Esercito Italiano offre dunque la possibilità di adottarli a titolo gratuito per raggiunti limiti di età o perché non più idonei all’impiego militare. Sul sito dell’Esercito è possibile visionare le schede degli esemplari e compilare la domanda di adozione.

Le ultime

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un...

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la resa è di circa il...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e del Trebbia, sanno da oggi...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino...

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui banchi e la responsabilità giuridica...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.