“Salviamo le storie dei nonni”: l’appello di Federfauna per conservare la cultura rurale

I più letti

Green pass al nido, a Verona bimbi fuori dalle aule: da paladini dell’infanzia a omertosi burocrati

I genitori sprovvisti di green pass non potranno accedere ai locali scolastici mentre le educatrici non sono autorizzate dalla...

Oceani, su Science la guida globale per proteggerli: l’italiano Guidetti tra gli autori

Fissati per la prima volta criteri coerenti di valutazione delle Aree Marine Protette a scala mondiale: la ricerca è...

La via Francigena candidata UNESCO:  “In 10 anni, +63% di pellegrini e turisti

Cinque Paesi, 16 regioni e 657 Comuni compongono i 3.200 km totali dello straordinario cammino “Via Francigena - Road...

FederFauna, Confederazione Sindacale degli Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali, in collaborazione con ACR, Associazione per la difesa e la promozione della Cultura Rurale e con la Fondazione per la Cultura Rurale, lancia oggi una nuova iniziativa editoriale per “salvare insieme le storie dei nonni”.
Il progetto, coordinato da Paola Comelli, gia’ apprezzata autrice di pubblicazioni per bambini, parte con un annuncio rivolto ai nonni, per invitarli ad trasmettere a FederFauna le proprie storie che trattano di animali, piante, vita all’aria aperta, o che si riferiscono a tradizioni contadine.
Le storie potranno essere inviate sotto forma di scritti o anche audio o video, ad un apposito indirizzo: storie@federfauna.org
“Alcune andranno a far parte di un libro per bambini e – promette FederFauna – troveremo per tutte il modo di farle vivere per sempre.”

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.