Conte confida di arrivare a “mille” ma Vienna affonda la Corazzata “delle speranze”
C

I più letti

Walter Ricciardi, l’uomo del Nutriscore, è consulente del Comitato Salute Pubblica francese

"Walter Ricciardi nominato membro del Comitato scientifico del Sante Publique France è lo stesso Walter Ricciardi che due mesi...

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

“Il piano della Commissione europea sul Recovery Fund non sarà una fotocopia di quello franco-tedesco…”

Roma – All’indomani della proposta Merkel-Macron per la ripresa dell’economia europea colpita dalla pandemia di coronavirus, l’esecutivo Ue prende qualche distanza da un testo che ieri Ursula von der Leyen aveva definito “costruttivo e in linea con la proposta della Commissione”. Quanto alla proposta di palazzo Berlaymont che sarà presentata il 27 maggio, il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis anticipa che : “ci sarà un mix di sovvenzioni e di prestiti”, quindi non solo dotazioni agli Stati come previsto dal piano della cancelliera tedesca e del presidente francese. Inoltre, aggiunge Dombrovskis, la potenza di fuoco dello strumento messo in campo dalla Commissione (tra prestiti e sovvenzioni) non sarà di centinaia di miliardi, ma di oltre 1000 miliardi”. Ecco come iniziava l’altro ieri il commento Massimo Maueri per Agi-economia. Un flusso di mille miliardi sull’Italia, il sogno del presidente del Consiglio Giuseppe Conte per risanare economia e Paese. Mille miliardi. Peccato che, nonostante l’appoggio del Commissario Gentiloni,i cosiddetti quattro Paesi del Nord ( Svezia, Danimarca, Paesi Bassi ed Austria) non siano d’accordo. La loro posizione è stata ribadita dal ministro austriaco degli Affari europei, Karoline Edtstadler: “È chiaro che i soldi che stanno affluendo ora in Italia, Spagna e Francia per uscire dalla crisi causata dal coronavirus dovranno essere restituiti’”, ha spiegato in un’intervista rilasciata al quotidiano Salzburger Nachrichten. Edtstadler ha anche aggiunto: “I fondi per la crisi siano erogati sotto forma di prestiti rimborsabili e non sovvenzioni” E peccato che Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea, abbia dato un appuntamento ai vari governi dell’Eurozona: ”Ci rivediamo in autunno”. Memorandum d’avvertimento o di minaccia? La risposta di Giuseppe Conte: “La mia preoccupazione è che alcuni Paesi dell’Ue continuano a fare pressioni per un bilancio business-as-usual e un modesto Recovery fund, con una percentuale trascurabile di finanziamenti a fondo perduto. Sono fortemente convinto che la loro posizione rifletta l’incapacità di comprendere le sfide storiche che affrontiamo. Se permettiamo che le crisi per il Coronavirus potenzi le divergenze economiche e sociali nell’Ue – ha aggiunto – non solo non riusciremo a raggiungere gli obiettivi chiave che abbiamo esposto in documenti come il green deal della Commissione e l’Agenda strategica del Consiglio europeo, ma alimenteremmo le fiamme del nazionalismo allargheremo le divisioni nella nostra Unione”. Il piagnisteo sarà sufficiente? Avremo la risposta mercoledì prossimo.

Le ultime

La gestione della temperatura nelle abitazioni e il rispetto dell’ambiente

Mantenere la giusta temperatura in casa nelle diverse stagioni è fondamentale non solo per una questione di risparmio energetico...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.