Pregliasco: “Rischi effetto spogliatoio in palestre e piscine”
P

I più letti

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

(Adnkronos) “La riapertura di palestre e piscine è uno step ulteriore” della fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia. “Una scelta giusta, perché l’attività fisica è un elemento fondamentale per la salute delle persone. Ma attenzione soprattutto all”effetto spogliatoio'”, raccomanda il virologo dell’università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco. E’ questa la zona dei centri sportivi dove si rischia di più, spiega l’esperto all’Adnkronos Salute: “L’ambiente è caldo e umido, specie se ci sono le docce, e subito dopo lo sport c’è una riduzione delle difese immunitarie naturali”. Condizioni che, in presenza di contatti ravvicinati, possono favorire l’attacco di Covid-19.
Essendo difficile pensare di farsi una doccia indossando la mascherina, Pregliasco invita dunque a “un opportuno distanziamento fisico” dai ‘colleghi’ di spogliatoio e a “un frazionamento dei flussi” che andrebbe previsto dai gestori.
Guardia altissima dopo l’allenamento, dunque, ma anche prima e durante: in generale, infatti, “palestre e piscine sono luoghi in cui si verificano contatti stretti e condizioni che facilitano la diffusione del contagio”, osserva il virologo, quindi le precauzioni fondamentali da seguire rigorosamente “riguardano sia l’organizzazione di queste attività sia la responsabilità individuale dei frequentatori rispetto ad alcuni gesti”. Il messaggio, in conclusione, resta lo stesso: “Bene riaprire, bisogna farlo, ma con le indispensabili cautele”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.