Etichetta volontaria per le carni, presentata proposta di legge Muroni
E

I più letti

Un sistema volontario di etichettatura in zootecnia per i prodotti di origine animale attraverso “una chiara tabella” che segue il metodo di allevamento in base ai 4 livelli per la definizione dei potenziali di benessere animale. Questo l’asse portante della proposta di legge di Rossella Muroni, deputata LeU, presentata nella conferenza ‘Metodo di allevamento in etichetta’, in diretta facebook da Legambiente e Ciwf (Compassion in world farming) Italia. La pdl – viene spiegato – prevede l’istituzione di un sistema nazionale univoco e volontario di etichettatura che, grazie a una “chiara grafica, tuteli i cittadini veicolando informazioni trasparenti”. Sono previsti “più livelli per ogni specie” distinti attraverso “l’indicazione del metodo di allevamento e l’eventuale uso delle gabbie. Nonostante la crescente sensibilità dei cittadini in Italia manca una certificazione univoca e volontaria ma garantita dal pubblico sul benessere animale in zootecnia – osserva Muroni – accogliendo l’appello di Legambiente e Ciwf Italia ho presentato la proposta di legge” che “prevede, tra l’altro, l’indicazione in etichetta del metodo di allevamento e dell’eventuale uso di gabbie”; questo naturalmente a “tutela della libertà di scelta dei cittadini e a difesa degli allevatori italiani virtuosi”. Secondo le associazioni “informazioni univoche, chiare e trasparenti sul potenziale di benessere animale dei prodotti sono indispensabili per tutelare il diritto di scegliere dei consumatori e per valorizzare gli allevatori virtuosi del Made in Italy. Sono oltre 5mila gli allevatori di suini all’aperto, e oltre 8mila quelli che stanno investendo per un miglioramento del benessere” degli animali nelle stalle italiane. La pdl presentata da Muroni, in sostanza, istituisce il “Sistema di qualità nazionale benessere animale in zootecnia”, per “elevare e garantire condizioni di benessere e salute animale significativamente superiori alle norme comunitarie e nazionali”. L’etichettatura secondo il metodo di allevamento – viene spiegato – è anche “uno strumento a disposizione del Governo per indirizzare i fondi verso allevamenti che hanno migliori caratteristiche di sostenibilità, producono con migliori qualità nutrizionali, hanno bisogno di un minore uso di antibiotici, e possono quindi diventare la cifra del nostro made in Italy all’estero. La transizione verso un sistema alimentare sostenibile è sempre più necessaria”.

“Oggi è un giorno molto importante”, afferma Annamaria Pisapia, direttrice di Ciwf Italia, parlando di “apertura di un percorso di trasparenza di cui il sistema alimentare italiano ha urgentemente bisogno”. “L’esigenza di rafforzare gli impegni nell’approccio ‘One health’ e l’attuale crisi causata dalla pandemia Covid-19 – dichiara Antonino Morabito responsabile benessere animale di Legambiente – hanno reso evidente quanto siano insostenibili molti dei modelli economici attuali e che la minaccia per salute e ambiente passi anche dall’allevamento intensivo. L’Italia può e deve fare la propria parte; sarebbe paradossale se Parlamento e governo non lo facessero a partire dai modi più semplici. Uno di questi è fornire strumenti normativi affinché cittadini e allevatori possano concretamente contribuire”.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.