Recovery Fund da 750 miliardi, all’Italia oltre 170
R

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

(Adnkronos) “L’Italia otterrà oltre 170 miliardi: 80 mld in trasferimenti e 90 mld in prestiti stando alle chiavi di ripartizioni adottate”. Queste le ipotesi avanzate all’Adnkronos da fonti di governo, mentre si attende che la presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen formalizzi la sua proposta di Recovery Fund.
La Commissione Europea “propone un Fondo di Recovery da 750 miliardi, che si aggiunge agli strumenti comuni già varati. Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti”. Ne dà intanto notizia il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, su un social network, usando l’hashtag NextGenerationEu, il nome scelto per il piano.
Per affrontare la “sfida straordinaria” della crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 e preparare “un futuro migliore”, la Commissione Europea “propone un nuovo Recovery Instrument, chiamato Next Generation Eu, all’interno di un bilancio Ue a lungo termine rinnovato. In totale, questo Recovery Plan europeo stanzia 1,85 bilioni di euro (a prezzi del 2018) per aiutare a far ripartire l’economia e assicurare che l’Europa rimbalzi e vada avanti”. Lo scrive la Commissione Europea, in una delle comunicazioni approvate oggi dal collegio dei commissari.
Insieme alle “reti di sicurezza per lavoratori, imprese e titoli di Stato”, vale a dire rispettivamente il piano Sure, quello della Bei e le linee di credito del Mes, che valgono complessivamente “540 mld” di euro, le “misure eccezionali” adottate a livello Ue per combattere la crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 “raggiungerebbero 1.290 mld di euro di sostegni mirati e anticipati alla ripresa europea. Applicando stime conservative dell’effetto leva dell’Mff, il Quadro Finanziario Pluriennale dell’Ue per il 2021-27, e di Next Generation Eu, gli investimenti totali che potrebbero essere generati da questo pacchetto di misure ammonta a 3,1 bilioni di euro”, cioè 3.100 mld, questa la stima della Commissione Europea. E’ comunque una stima che va presa con le dovute cautele: in una nota a piè di pagina si precisa che i 1.290 mld (e quindi anche il totale finale) si basano su assunzioni che riguardano “i moltiplicatori attesi e i risultati ottenuti da strumenti comparabili. Tuttavia – si legge – l’accuratezza dei moltiplicatori attesi potrebbe essere impattata negativamente dalla volatilità dell’attuale situazione economica”.
“Solidarietà, coesione e convergenza devono guidare la ripresa dell’Europa. Nessuna persona, nessuna regione, nessuno Stato membro dev’essere lasciato indietro”, si legge ancora nel documento che prevede come, nello scenario peggiore caratterizzato da una “seconda ondata” della pandemia di Covid-19 e “misure di lockdown estese”, il Pil dell’Ue potrebbe registrare una caduta “fino al 16%” nel 2020.
La Recovery and Resilience Facility (Rrf), anima e cuore del primo pilastro del Recovery Plan che mira a “sostenere gli investimenti e le riforme essenziali per una ripresa duratura” dell’economia Ue, avrà, nella proposta della Commissione Europea, un budget di “560 mld di euro”, dei quali fino a 310 mld saranno trasferimenti e fino a 250 mld in prestiti, scrive ancora la Commissione. La Rrf sarà “solidamente inscritta nel semestre europeo”. Gli Stati membri “prepareranno piani nazionali di ripresa e resilienza come parte dei loro programmi nazionali di riforma. Questi piani delineeranno le priorità in termini di investimento e di riforme e i relativi pacchetti di investimenti da finanziare attraverso la Rrf, con un sostegno che verrà rilasciato a rate, a seconda dei progressi fatti e sulla base di parametri predefiniti”.
La Commissione Europea, con React-Eu, “propone di fornire 55 mld di euro di fondi aggiuntivi per le politiche di coesione tra ora e il 2022: 50 mld attraverso Next Generation Eu nel 2021 e 2022 e 5 mld già nel 2020, adattando l’Mff attuale”, si legge nella comunicazione sull’Mff approvata oggi dal collegio dei commissari.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.