Riapertura tra le Regioni il 3 giugno, cosa pensano i governatori
R

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

(Adnkronos) Si susseguono le posizioni dei governatori sull’intenzione del governo di riaprire gli spostamenti tra Regioni dal 3 giugno. Il presidente della Liguria Giovanni Toti ritiene che “ci siano le condizioni per una prudente e necessaria apertura” mentre il governatore del Molise Donato Toma dice che avrebbe “aspettato un’altra settimana”. “D’accordissimo” invece “su riaprire tutti dal 3 giugno” il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli. “Spero si decida di riaprire, e comunque tutti insieme, mi auguro dal 3 giugno” è l’auspicio del presidente del Veneto Luca Zaia. “Se sarà così”, secondo Zaia, si tratterà di un “bel segnale”.

”Tutti gli indicatori parlano di una discesa della pandemia in tutta Italia. Mi sembra che ci siano le condizioni per una prudente e necessaria apertura – afferma Giovanni Toti all’Adnkronos – No, il governo non ha forzato la mano. La scelta di tenere chiuso il Paese non sarebbe stata indolore e i dati che il governatore di Bankitalia Visco ha snocciolato nella sua relazione dovrebbero far riflettere tutti in proposito…”. Tra qualche giorno di fatto finisce il lockdown, ma i dati attuali in Lombardia preoccupano e le Regioni del Sud sono allarmate per l’ok agli spostamenti. ”E’ chiaro che esiste sempre un rischio calcolato nelle decisioni – spiega il governatore ligure – ma tenere chiusa la Lombardia avrebbe significato tener chiuso il Paese, così come chiudere il triangolo Torino-Milano-Genova vuol dire tenere chiuso il sistema industriale e di export del Paese. Non credo che ci sia qualcuno che possa avere come obiettivo quello di salvare il Paese dal Covid e poi condannarlo alla più potente recessione della storia recente”.

”Penso – sottolinea Toti – che, rispetto a febbraio, i sistemi sanitari regionali, i sistemi di controllo, l’attenzione dei cittadini alle regole che ci siamo dati ci trasportino in un’era diversa e ci diano sufficienti garanzie. Lo ripeto, nessuno ha la bacchetta magica e nessuno guarda a questa scelta a cuor leggero e con spensierata disinvoltura. Ma chi pensa che questo Paese debba rimanere fermo non so se si renda conto che i numeri dell’economia possono diventare dolorosi quanto e più del virus”.

“Noi siamo d’accordissimo, abbiamo iniziato la campagna di promozione del turismo nelle Marche già da oltre una settimana” dice all’Adnkronos il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli sugli spostamenti tra tutte le Regioni dal 3 giugno. Siamo più che convinti di questa scelta, i dati epidemiologici che stavamo osservando andavano nel verso giusto, quindi ci sono tutti gli ingredienti per una corretta riapertura”.

“Tutti gli operatori turistici, della ristorazione, balneari seguono le regole che proteggono le persone e questo è per noi l’elemento importante – continua – Se funzionano con i marchigiani, funzioneranno anche con chi arriva dalle altre Regioni e speriamo siano tanti a continuare a scegliere le Marche per le loro vacanze”. Secondo Ceriscioli è stato giusto non ritardare l’apertura per alcune Regioni del Nord: “La sicurezza la dobbiamo garantire a tutti, indipendentemente da quale Regione si viene – spiega – gestendo i servizi in questa fase di passaggio fino alla scomparsa della pandemia attraverso misure e i protocolli che abbiamo adottato da giorni”.

Riguardo all’idea di una certificazione, un ‘passaporto’ sanitario avanzata dalla Sardegna, Ceriscioli commenta: “Mi sembra un errore. E’ una forma di limitazione, non dà l’idea di accoglienza mentre il turismo vive di accoglienza”. “Il turismo è ricevere le persone e chiedergli un certificato medico è esattamente il contrario, può andare bene per chi si sposta per lavorare non per chi va in vacanza” conclude il presidente delle Marche sottolineando che “si va in vacanza anche per ritrovare quella libertà e quel pensiero positivo che dobbiamo riscoprire, bisogna guardare avanti mettendoci fiducia”.

Il governatore del Molise Donato Toma osserva che “la prudenza dovrebbe essere patrimonio di noi italiani, lo abbiamo imparato a nostre spese. Le riaperture non causano, immediatamente, delle movimentazioni di persone, ma tra una chiusura e una riapertura completa c’è sempre un periodo grigio perché giustamente c’è timore. Io personalmente avrei aspettato un’altra settimana per poi riaprire tutti insieme, però faccio molto gioco di squadra e capisco che le Regioni del Nord hanno necessità di riavviare la macchina economica per tutta Italia”. “Staremo particolarmente attenti e cercheremo di educare la popolazione alla prudenza”, continua.

“Io avevo previsto una quarantena per gli arrivi e l’ho tolta domenica scorsa. In questo momento non ho restrizioni in programma – spiega – vedremo cosa succede la prossima settimana che è cruciale perché avremo anche i dati dopo le riaperture del 18 maggio”. “Le decisioni si prendono giorno per giorno, programmazione a lungo termine con questo virus non si può fare – rimarca – Vedremo come sono l’andamento settimanale del ministero della Salute e i nostri dati Asl. Ora il Molise è a contagio ridottissimo, abbiamo avuto un picco fuori scala legato a una comunità rom, ma abbiamo immediatamente risolto la situazione”.

Riguardo all’idea di qualche regione, in particolare della Sardegna, di introdurre una sorta di certificazione per chi arriva Toma commenta: “Io sono sempre presente ai tavoli nazionali e internazionali e per la mia esperienza il passaporto sanitario non ha una grande valenza. Se faccio un tampone oggi potrei essere negativo e positivizzarmi dopo qualche giorno, quale è il senso? Il test sierologico di massa serve per beccare qualche positivo in percentuale, ma non in termini assoluti”.

“I lombardi sono stati i più colpiti e ingiustamente accusati di scarsa attenzione. Più volte ho espresso il sostegno della mia Regione al presidente Fontana perché avere 11 milioni di abitanti e gestire la locomotiva d’Italia è diverso. Prima di muovere accuse ad altri, bisogna mettersi nei panni di un governatore e di una struttura complessa” sottolinea Toma che, in vista della riapertura degli spostamenti tra Regioni e delle vacanze estive aggiunge: “Noi ci auguriamo che i lombardi, come veneti o piemontesi” e gli altri cittadini del Nord “a luglio possano venire in Molise per far ripartire il turismo”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.