Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica
M

I più letti

La parità di genere nelle comunità forestali riguarda tutti noi: una guida per tutti i paesi del Mondo

Il documento pubblicato da CIFOR Forest tenure pathways to gender equality: A practitioner’s guide riaccende una luce sulla relazione tra equità...

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Vaccini e anticorpi efficaci a costi contenuti: dagli scienziati arrivano le piante “biofabbrica”

Un team di ricercatori di ENEA, Università di Verona e Viterbo, CNR e ISS propone di utilizzare le piante come ‘biofabbriche’...

L’Oipa ha chiesto l’immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde

Strage di pesci a Roma. Centinaia di pesci morti galleggiano sul Tevere nel tratto tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio. L’allarme è arrivato da una guardia zoofila dell’Oipa di Roma che li ha fotografati e subito avvisato una pattuglia della polizia locale.
Oggi è partita la denuncia dell’associazione, che ha inviato la segnalazione urgente all’Arpa Lazio, a Roma Capitale, al sindaco Virginia Raggi, al Comando della Polizia municipale e all’Asl Roma 1 chiedendo che siano attivati immediatamente i controlli al fine di stabilire le cause della moria anche a tutela della salute pubblica.
«Già in passato abbiamo assistito a episodi di questo tipo, e chiediamo anche stavolta che sia fatta luce su questo grave episodio che colpisce la biodiversità della capitale», commenta Rita Corboli, delegata romana dell’Oipa Italia. «Oggi sulla pista ciclabile che corre lungo il Tevere le persone erano attonite: centinaia di pesci di diverse specie sono morte per cause che chiediamo siano immediatamente accertate con adeguati campionamenti delle acque e analisi approfondite ».

Le ultime

“Ci salvi chi può”: anche squali, pinguini, coralli e pesci dicono no al riscaldamento globale

RISCALDAMENTO GLOBALE? CI SALVI CHI PUÒ! Squali, pinguini e coralli per dire stop ai cambiamenti climatici. All'interno dell’acquario più...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.