Open Fiber e lo spopolamento dei borghi: “Annullare il digital divide”
O

I più letti

La banda larga potrebbe contribuire a fermare la fuga dai piccoli comuni italiani

L’Italia: la minuscola striscia di terra, adagiata tra le acque calme del Mediterraneo, è il Paese con la più alta biodiversità al mondo. A dirlo non è soltanto Oscar Farinetti, in un discorso che un paio di mesi fa spopolava sul web, ma chiunque abbia avuto la fortuna di nascervi o visitarla. Il nostro Paese occupa soltanto lo 0,5% della superficie mondiale, eppure racchiude un tesoro eccezionale di varietà vegetali e specie animali. Oltre che il 75% del Patrimonio UNESCO mondiale, certo. In termini di produttività, parliamo di oltre un migliaio di vitigni autoctoni e centinaia di tipi diversi di olive. Quanto è inestimabile un tale patrimonio umano, culturale ed enogastronomico?
Eppure questo paradiso terrestre dalle potenzialità di crescita sconfinate è sempre più spopolato. I borghi più belli, che puntellano il territorio con i loro tetti di coppi marroni e i palazzi storici, contano in genere meno di cinquemila abitanti. Parliamo del 73% dei comuni italiani, piccoli centri ricchi di storia che spesso vantano almeno un prodotto DOP. Eppure tali realtà incontaminate hanno visto un calo demografico pari a oltre centomila persone negli ultimi anni. È come se città come Trento o Forlì diventassero paesi fantasma. Il dato è così allarmante che lo scorso anno il sindaco di Esino Lario, un piccolissimo centro nei pressi di Lecco, ha annunciato di voler mettere in vendita il Comune. Una protesta simbolica contro i tagli sempre più corposi alle risorse per le aree bianche, certo, ma un gesto che spinge a riflettere.

Secondo l’Istat, negli ultimi 40 anni i piccoli comuni hanno visto uno spopolamento pari a circa il 60% della popolazione. “E quasi sempre – si legge in una nota di Open Fiber” – si parte in cerca di migliori opportunità di crescita lavorativa. In un Paese dove fino a qualche anno fa il digital divide era uno dei più alti in Europa, chi nasceva in un piccolo centro difficilmente riusciva a immaginare una carriera prestigiosa che non fosse da fuori sede”. Oggi peró Open Fiber dichiara di avere un obiettivo preciso: un Paese interamente connesso grazie all’anbattimento del digital divide.
“Il sogno – prosegue la nota – èdi annullare il digital divide è stato il motore che ci ha spinto ad andare avanti durante questi anni. Nessuna fuga dai paesi, nessuna marginalizzazione per chi nasce in provincia: con la banda ultra larga ogni barriera professionale può essere abbattuta. I piccoli imprenditori possono mettersi in contatto e collaborare con realtà più grandi, oppure farsi conoscere dappertutto senza la necessità di spostarsi.
Un impegno ben ripagato: ci ha riempito di orgoglio vedere che, una volta completata la connessione a banda ultra larga in piccoli comuni, molte persone sono tornate a casa, pronte a rimetterne in piedi l’economia. Adesso che i nostri sforzi cominciano a dare i loro frutti, siamo sempre più motivati a proseguire con la nostra opera di cablaggio della rete in fibra ottica nazionale. Stiamo studiando le soluzioni più adatte al territorio, sperimentando tra diverse tipologie tra cui l’innovativa tecnologia FWA”.

Tecnologia FWA, cos’è e come funziona
In molte aree montane, infatti, il territorio particolarmente impervio non permette la posa dei cavi sottoterra, oppure non offre condizioni che rendano gli scavi sostenibili in termini ecologici ed economici.
Si tratta di una tecnologia che sfrutta due punti fissi – l’acronimo sta per Fixed Wireless Access – per creare un ponte radio. I cosiddetti punti fissi sono due antenne che vengono rilegate in fibra ottica e trasmettono il segnale dall’una all’altra in forma di onde radio. Una volta superato l’ostacolo, si continua con il cavo di rete in FTTH. La tecnologia FWA, quindi, permette il mantenimento della connessione a banda ultra larga anche in assenza di cavi in fibra ottica su parte del percorso.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.