Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali
P

I più letti

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e del Trebbia, sanno da oggi che tra i piloni di cemento si celano piccole scrigni di tutela della fauna selvatica locale: l’area protetta dell’Emilia Occidentale ha posizionato alcune batbox con lo scopo di tutelare quelle specie di pipistrello che da una parte svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione di zanzare e insetti, ma dall’altra sono fortemente minacciate dalla perdita di habitat, dalla diminuzione delle risorse alimentari e dalla chiusura di fessure e cavità, soprattutto quando utilizzano gli edifici come rifugi notturni.

“I chirotteri sono il secondo gruppo di mammiferi più numeroso al mondo”, si legge in una nota dell’ente parco. “In Emilia Romagna sono tutelati dalla L.R. 15/06 sulla Fauna Minore, inoltre alcune specie sono particolarmente protette ai sensi della Direttiva Europea “Habitat”. Per cercare di ovviare a questa situazione, anche allo scopo di sensibilizzare i cittadini dell’importanza di queste specie, ogni ponte presente nelle aree protette fluviali è stato dotato di diverse bat-box, realizzate in materiale duraturo e fissate alla muratura”.

Non resta che attendere dunque la colonizzazione di questi nuove “case sospese”, che a volte può farsi attendere anche per qualche anno.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.