Ex Ilva, il Ministero dell’Ambiente proroga le scadenze per la copertura di torri e nastri
E

I più letti

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Tempi più rapidi per la copertura rispetto alle richieste dell’azienda, aumentano prescrizioni su avanzamento lavori e misure a tutela dell’ambiente

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato il decreto di proroga per la conclusione degli interventi di chiusura di nastri e torri dello stabilimento ex Ilva di Taranto. Un provvedimento che accorcia i tempi per la copertura rispetto alle richieste dell’azienda e aumenta altresì le prescrizioni e le misure cui l’azienda deve adempiere per dare conto dello stato di avanzamento degli interventi. Lo scorso luglio, l’azienda aveva chiesto un differimento del termine ultimo prima al 31 dicembre 2020 e, successivamente, al 31 luglio 2021, motivandolo con l’emergenza Covid. A seguito di un approfondimento istruttorio, che ha visto anche il coinvolgimento della Commissione Via Vas, il decreto del Ministero dell’Ambiente ha fissato invece al 30 aprile 2021 il termine per la copertura di torri e nastri in piano, e anticipato al 31 gennaio 2021 quello per le torri e i nastri in quota, che possono presentare rischi di inquinamento maggiori per fenomeni di spolvero. Il decreto stabilisce inoltre che il Gestore debba adottare, anche nelle condizioni normali di esercizio e nel rispetto delle nuove tempistiche prescritte, alcune ulteriori misure per prevenire e mitigare la dispersione di polveri: riduzione della quantità specifica di materiale depositata per superficie di nastro; riduzione della velocità del nastro; riduzione delle altezze di salto del materiale dal nastro; intensificazione delle operazioni di bagnatura del materiale trasportato; considerazione di modalità alternative di trasporto. Il provvedimento ha inoltre accolto e imposto all’azienda tutte le misure di cautela, monitoraggio e controllo circa il rispetto del crono programma, elaborate dalla commissione Via Vas e validate dalla Conferenza di servizi. In particolare, entro il 31 dicembre 2020 il Gestore ha l’obbligo di elaborare una relazione di dettaglio contenente lo stato di avanzamento degli interventi di chiusura delle torri e dei nastri trasportatori in quota e in esercizio, da trasmettere all’Autorità competente per il tramite dei Commissari straordinari, con il fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi ambientali previsti dal provvedimento.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.