Trento, libero il falco pescatore che si impigliò in una rete durante la migrazione verso la Sardegna
T

I più letti

E’ stato liberato nei giorni scorsi, sopra la valle dei Laghi a una ventina di chilometri da Trento, un giovane falco pescatore nato nell’estremo nord della Germania e ritrovato intrappolato, un mese fa, nella rete di una pescicoltura dal custode forestale di Ala, Mattia Pezzato. Lo annuncia il Centro Recupero Fauna selvatica della Lipu di Trento, che per un mese ha prestato le cure al falco pescatore, il quale soffriva di una ferita a un’ala, era debilitato e presentava una paralisi agli arti inferiori causata dall’aver passato un’intera notte impigliato nella rete da pesca. Il falco fu inanellato al nido in Germania in località Damerow, dal Bird Ringing Centre Hiddenssee, il 20 giugno di quest’anno. La specie, in questo periodo, migra dai siti di nidificazione nel nord Europa a quelli di svernamento in Africa o anche in Italia, quasi esclusivamente in Sardegna. Ora, dopo la liberazione, per lui inizia il viaggio di migrazione verso sud che si era interrotto. I pericoli non mancano, soprattutto per un giovane inesperto. Non resta che augurargli buon viaggio.

Le ultime

Energie rinnovabili: Italia sempre più green ma occhio alle emissioni

In Italia le fonti rinnovabili contribuiscono al fabbisogno energetico interno per circa il 18% del totale, mentre il 40%...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.