Dissesto idrogeologico, botta e risposta tra il Ministro Costa e le Province d’Italia: “I fondi sono insufficienti”
D

I più letti

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Il Decreto “Terra Mia” “doveva andare ieri sera al Consiglio dei ministri ma c’è bisogno di qualche piccola rifinitura e nel giro di dieci giorni vi approderà.” Lo ha detto ieri il ministro dell’Ambiente Sergio Costa a 24Mattino di su Radio 24. “Ho già sentito gli altri componenti della maggioranza e non c’è opposizione, vogliono capire fino infondo”, non c’è nessuna tensione con Adrea Orlando “con cui ho un rapporto di stima dai tempi in cui ero generale, è una persona di standing”. Poi il Ministro affronta il tema caldo di questi giorni di maltempo: sul dissesto idrogeologico “i fondi ci sono, in cassa ci sono 7 miliardi a disposizione ma ci sono lacci e lacciuoli di natura amministrativa burocratica che impediscono la spesa. Fortunatamente interviene il Decreto semplificazioni per rompere questi meccanismi burocratici e per sveltire le procedure comunali e regionali ma essendo di agosto, ha un tempo tecnico di ricaduta materiale”. Agli stessi microfoni, non si fa attendere la risposta di Michele de Pascale, presidente dell’Unione delle Province d’Italia e sindaco di Ravenna: “Lo scarica barile da parte di una istituzione rispetto a un’altra rischia di produrre scarsi risultati. Da tempo come ANCI e UPI denunciamo il fatto che le risorse per manutenzione di ponti e viadotti sono insufficienti. Nelle province ci sono 30mila tra ponti e viadotti, c’è un fabbisogno di sei miliardi per mettere a norma le infrastrutture esistenti”. De Pascale poi conclude “Con il ministro delle infrastrutture De Micheli abbiamo studiato delle procedure di finanziamento immediato, siamo pronti a questa sfida”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.