Dissesto idrogeologico, Costa: “In arrivo 3,6 miliardi”
D

I più letti

Volontariato, ricchezza d’Italia: gente comune che fa cose straordinarie

Il volontariato è una delle grandi ricchezze d’Italia. Qualcuno ha pensato di candidarlo all’Unesco per la...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

“Sono stati firmati accordi di programma con le Regioni per un valore totale di 3,6 miliardi di euro. E altri 3 miliardi sono pronti per essere firmati. In Liguria abbiamo finanziato 17 interventi contro il dissesto idrogeologico e 140 in Piemonte. In due anni abbiamo raddoppiato l’indice di accelerazione della spesa”. Lo ha affermato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa nell’aula della Camera nel corso dell’informativa urgente del governo sulle iniziative per contrastare il dissesto idrogeologico.
“Nel collegato ambientale – ha osservato il ministro – c’è un intero capitolo sul dissesto. C’è la massima disponibilità da parte del ministro dell’Ambiente e del sottosegretario Morassut per migliorarlo con ciascun parlamentare, senza nessuna colorazione e senza bandiere, confrontandoci anche con le Regioni e i Comuni, che ho incontrato soprattutto in periodo pre-Covid”.
“Inoltre – ha proseguito Costa – dal primo gennaio di quest’anno il mio dicastero ha una Direzione generale per il dissesto idrogeologico, a sottolineare quanto ci stia a cuore la problematica. E ancora, abbiamo deliberato che due società in house dello Stato – Sogesid e Invitalia – saranno a disposizione dei Comuni che lo richiederanno per gli interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico. Alle Regioni abbiamo dato maggiori poteri di intervento con la legge Semplificazioni. E abbiamo accolto le richieste delle Autorità di bacino, che ci avevano chiesto di ridurre i tempi di approvazione dei progetti. Insomma, il tema dissesto è trasversale a tutto il Paese e le sue istituzioni e non può e non deve assumere alcuna colorazione o appartenenza politica”.

Al Ministro, fa eco la presidentessa della Commissione Ambiente alla Camera: “La conta di danni, che vede vie e infrastrutture interrotte, attività economiche e agricole devastate, sarà assai rilevante. La protezione civile è ancora al lavoro per verificare a quanto ammontino i danni: si tratta della premessa necessaria per dichiarare lo stato di emergenza e quindi programmare gli indispensabili e urgenti interventi. Per questo occorre che le risorse a disposizione delle Regioni e quelle programmate con i prossimi fondi siano nella disponibilità degli enti locali in tempi brevissimi. Ma assieme alla gestione dell’emergenza e della prima ricostruzione, ora serve realizzare un futuro più sicuro dal rischio idrogeologico”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.