Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie
D

I più letti

La tecnologia si rivela sempre di più un’alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto nelle organizzazioni aziendali. In particolare, la digitalizzazione dei servizi si sta dimostrando un passaggio fondamentale per migliorare la circolazione delle informazioni, con evidenti vantaggi anche in termini di sostenibilità ambientale. Vediamo perché in questo articolo.

Cosa si intende per sostenibilità ambientale Sempre più spesso sentiamo parlare di sostenibilità, un concetto ormai entrato a far parte della nostra quotidianità a tutti i livelli. Ma cosa si intende esattamente con questo termine? La sostenibilità ha a che fare, in buona sostanza, con il rispetto dell’ambiente e con l’impatto delle singole azioni sullo stesso. Agire in maniera sostenibile significa, infatti, svolgere le proprie attività senza arrecare danni al mondo che ci circonda o, comunque, minimizzando l’impatto ambientale delle proprie scelte. Dall’acquisto di articoli realizzati con materiali ecologici alla riduzione dei consumi d’acqua, tutto viene oggi visto in un’ottica di sostenibilità, con l’obiettivo non solo di ottenere benefici ambientali nell’immediato ma anche di costruire un mondo migliore per i nostri figli, dal momento che la nostra epoca lotta ogni giorno con la scarsità di risorse. In quest’ottica, anche la tecnologia può dare un contributo fondamentale, come accade con i processi di digitalizzazione: scopriamo insieme perché. Innovazione e digitalizzazione al servizio dell’ambiente La digitalizzazione è il processo che converte un’informazione analogica in formato binario e la trasferisce su un apposito supporto. Un esempio molto evidente e immediato è quello della digitalizzazione dei documenti: il classico cartaceo può oggi essere facilmente sostituito da una copia digitale, visualizzabile mediante PC o altri dispositivi e memorizzabile su qualsiasi tipo di supporto digitale. Uno stesso documento può circolare in questo formato presso diversi soggetti (per esempio inviandolo via e-mail ai diretti interessati), riducendo stampe, consumi di inchiostro, spedizioni postali e così via. Tutto ciò che può essere digitalizzato presenta vantaggi in termini ambientali, poiché si abbattono tutti quei passaggi legati alla produzione e alla diffusione di supporti fisici, primo fra tutti la carta, oltre a essere un eccellente strumento per ridurre i costi.

Innovazione e digitalizzazione al servizio dell’ambiente La digitalizzazione è il processo che converte un’informazione analogica in formato binario e la trasferisce su un apposito supporto. Un esempio molto evidente e immediato è quello della digitalizzazione dei documenti: il classico cartaceo può oggi essere facilmente sostituito da una copia digitale, visualizzabile mediante PC o altri dispositivi e memorizzabile su qualsiasi tipo di supporto digitale. Uno stesso documento può circolare in questo formato presso diversi soggetti (per esempio inviandolo via e-mail ai diretti interessati), riducendo stampe, consumi di inchiostro, spedizioni postali e così via. Tutto ciò che può essere digitalizzato presenta vantaggi in termini ambientali, poiché si abbattono tutti quei passaggi legati alla produzione e alla diffusione di supporti fisici, primo fra tutti la carta, oltre a essere un eccellente strumento per ridurre i costi.

Benefici della digitalizzazione sull’ambiente La digitalizzazione, come visto in maniera molto elementare nel paragrafo precedente, permette di limitare sensibilmente l’impatto ambientale, creando un sistema sostenibile e rispettoso dell’ambiente. Privati, aziende ed enti riescono a comunicare, in questo modo, con estrema rapidità e senza danneggiare l’ambiente, combinando il risparmio economico a quello di risorse naturali. Le informazioni conservate in formato digitale, peraltro, possono essere gestite e consultate in modo molto più veloce, mediante appositi software che permettono la ricerca rapida di documenti o, addirittura, di singole informazioni, superando i vetusti archivi cartacei che, anno dopo anno, finivano per riempire intere stanze. Da non sottovalutare, a tal proposito, è anche la possibilità di fare tutto ciò a distanza, azzerando dunque i confini geografici, gli spostamenti e, di conseguenza, l’impatto ambientale generato da questi ultimi.

Digitalizzazione nel mondo del lavoro e non solo Il mondo del lavoro è certamente uno dei primi a subire gli effetti della digitalizzazione, dal momento che molte attività possono essere oggi svolte anche a distanza (il cosiddetto smart working). Questa scelta, adottata sempre più spesso dalle aziende anche nel nostro Paese, permette di mantenere la massima efficienza professionale riducendo al contempo tutte quelle esternalità negative per l’ambiente legate proprio alle attività lavorative, prima fra tutte il traffico. La digitalizzazione, però, non riguarda solo il lavoro. Sfruttando le tecnologie web, la digitalizzazione dei servizi ha ormai coinvolto tutti i settori, da quelli legati alle attività produttive fino all’intrattenimento, tanto da diventare un elemento rivoluzionario per tantissimi comparti. Se, come detto, in ambito professionale la circolazione di documenti e informazioni dematerializzati ha reso sempre più possibile il lavoro a distanza, con ricadute importanti anche in termini di riduzione degli spostamenti e, di conseguenza, dell’inquinamento atmosferico, nel mondo dell’entertainment si sono vissuti anni di grande fermento, legati per esempio alla fruizione di contenuti audio e video direttamente su web, senza supporti fisici, o alla partecipazione live a tornei di videogame, dal poker ai cosiddetti giochi MOBA.

Tutto ciò sta trasformando le nostre abitudini e i nostri stili di vita, trasportandoci sempre più velocemente verso un futuro migliore. Affinché, però, il pianeta possa realmente beneficiare di questa rivoluzione tecnologica, restano fondamentali le scelte e le azioni dei singoli: partire dai più piccoli comportamenti è infatti il primo vero grande passo verso un mondo più vivibile e sano, in cui sensibilità individuale e innovazione possano camminare a braccetto.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.