“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

I più letti

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta. E’ la storia dell’incontro tra un bambino e un giaguaro “sfrattato” dalla sua casa, le foreste del Sudamerica, che vengono distrutte per produrre sempre più carne e soia destinata alla mangimistica. Il nuovo corto, realizzato dall’agenzia Mother e prodotto dallo studio Cartoon Saloon, che ha ottenuto quattro volte la nomination per l’Oscar, è una sorta di sequel a quello diffuso due anni fa, nella versione italiana con la voce della cantante Noemi, in cui un piccolo orango entrava nella cameretta di una bambina, saltellando da una parte all’altra e portando scompiglio. Anche in quel caso l’animale le raccontava il suo dramma: la sua casa, la sua splendida foresta, non esistono più, distrutte dai produttori di olio di palma. “Il cartoon in pochi minuti ci fa riflettere sugli impatti dell’agricoltura industriale e dell’eccessiva produzione di carne sugli ecosistemi e sulla biodiversità, ma anche su quanto ci riguardi da vicino quel che accade in foreste lontane come quelle sudamericane” spiega Federica Ferrario, responsabile Agricoltura di Greenpeace Italia. “Come ci ricordano i protagonisti del video, ridurre la produzione e il consumo di carne è fondamentale per preservare la salute del pianeta e anche per salvare animali come i giaguari dall’estinzione”.

La Politica Agricola Comune (PAC), in questi giorni in discussione al Parlamento europeo, favorisce un sistema di allevamento intensivo su larga scala dannoso per l’ambiente, per il clima e per la nostra salute, e complice della deforestazione. Nel mondo, infatti, l’80 per cento della deforestazione avviene per fare spazio a pascoli e a terreni spesso occupati da colture destinate alla mangimistica, come la soia. Nel 2019 l’Italia è stata il principale importatore di carne dal Paraguay e il secondo principale importatore di soia sia dall’Argentina che dal Paraguay. Da luglio 2019 a giugno 2020 siamo anche stati i principali importatori dell’Unione di carne proveniente dal Brasile. I terribili incendi registrati ultimamente in Brasile, nel Pantanal, hanno messo in pericolo almeno 600 giaguari, su una popolazione stimata nella regione in soli 2.000 esemplari. Ieri sera il Parlamento Ue si è espresso favorevolmente sul Rapporto della Commissione Ambiente Ue (ENVI) intitolato “Quadro giuridico dell’UE per fermare e invertire la deforestazione globale guidata dall’UE”, per redigere una normativa che ponga fine alla complicità dell’Ue su deforestazione e violazioni dei diritti umani. Il Parlamento dovrebbe avallare la votazione nel tardo pomeriggio. “Questo è un passaggio fondamentale per lo sviluppo di una una normativa comunitaria stringente che ponga fine alla circolazione sul mercato europeo di materie prime e prodotti la cui estrazione, raccolta o produzione ha o rischia di avere un impatto negativo su foreste e diritti umani. Ora dobbiamo continuare a far sentire la nostra voce e partecipare alla consultazione pubblica europea” conclude Ferrario.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.