Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050
C

I più letti

La parità di genere nelle comunità forestali riguarda tutti noi: una guida per tutti i paesi del Mondo

Il documento pubblicato da CIFOR Forest tenure pathways to gender equality: A practitioner’s guide riaccende una luce sulla relazione tra equità...

Lo strano caso della “pantera nera pugliese”, più sfuggente di Arsenio Lupin

Ormai fa parte del folklore nazionale: periodicamente, per qualche strano motivo, in Italia viene avvistata una pantera nera. Sin...

“Tree Time” e oltre: è online il nuovo spazio virtuale dedicato alla mostra temporanea del MUSE

Thriller botanici, video-interviste e tante curiosità sull’universo vegetale. La nuova landing page della mostra temporanea “Tree Time – Arte e scienza per una nuova alleanza con la...

Il Consiglio dei ministri dell’ambiente dell’Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l’Ue fissa l’obiettivo emissioni zero al 2050. La posizione sul target al 2030, che la Commissione europea ha proposto di aumentare dal 40% di oggi ad almeno il 55%, è però lasciata ai leader Ue, che dovrebbero decidere nel Vertice di novembre. La Bulgaria si è astenuta, mentre Svezia, Lussemburgo, Danimarca, Spagna e Austria hanno chiesto di aumentare l’ambizione, prevedendo un obbligo di emissioni zero non solo per l’Ue, ma per ogni singolo Paese.
“Un grande risultato – spiega Sottosegretario all’Ambiente, Roberto Morassut – che va salutato con soddisfazione. L’Italia si muove con determinazione nella direzione della neutralità climatica e sostiene l’obiettivo del raggiungimento del 55 per cento di riduzione delle emissioni di Co2 al 2030 con i fatti. Un obiettivo da perseguire con determinazione e saggezza. Ringraziamo la presidenza tedesca che ha svolto un lavoro importantissimo per raggiungere l’ intesa. L’Italia ha fatto e sta facendo molto nella direzione della decarbonizzazione anche grazie all’impegno diretto del ministro Costa. Giungere all’obiettivo del 55% e fare in modo che tutti i paesi possano arrivarci, è fondamentale per dare credibilità alla più generale della neutralità climatica al 2050 e dare così speranza alle giovani generazioni che ci guardano. L’emergenza pandemica ci spinge a fare di più con determinazione. La neutralità climatica e la sostenibilità sociale sono legati. Il Governo italiano sta facendo la sua parte”.

Le ultime

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.