Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita
M

I più letti

Cultura, Franceschini a lavoro per una nuova legge per l’editoria

“L’editoria ha bisogno di una legge di sistema al pari di quanto accade nel settore cinematografico e audiovisivo”.  Lo...

Fagiolo tondino del Tavo, il piccolo legume riscoperto da un ristoratore, oggi è Presìdio Slow Food

Piccolo, tondeggiante e chiaro: si presenta così il fagiolo tondino del Tavo, appena entrato a far parte della famiglia...

Governo, verso Cdm domani e giuramento sottosegretari

Non è escluso che già nella riunione di domani si affronti il tema del nuovo Dpcm(Adnkronos) Il Cdm che...

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente

“Sostenere la storica messa al bando delle munizioni al piombo nelle zone umide votata a settembre dalla Commissione del regolamento europeo Reach, senza cedere alla pressione delle lobby della caccia che vorrebbe emendarlo e indebolirlo”: questo in sintesi il contenuto di una lettera inviata ieri dalla Lipu-BirdLife Italia agli europarlamentari dove si denuncia il tentativo della lobby della caccia di sollevare alcune obiezioni con l’obiettivo di far sì che il testo già approvato a settembre venga rimandato alla Commissione Reach e riconsiderato, attenuandone alcuni importanti aspetti. In particolare, il tentativo passa attraverso una diversa definizione di zona umida e delle zone “cuscinetto”, quelle zone cioè che impediscono che i colpi sparati all’esterno delle zone umide finiscano nei laghi e nei fiumi.
“Le obiezioni avanzate dai cacciatori – afferma Aldo Verner, presidente della Lipu-BirdLife Italia – mettono a rischio ogni anno oltre un milione di uccelli acquatici per avvelenamento da ingestione di piombo, l’habitat in cui vivono e la salute di tutti. Tutto ciò quando invece si potrebbe benissimo fare a meno di munizioni al piombo e ricorrere a consolidate soluzioni alternative. “Per queste ragioni – prosegue il presidente della Lipu – chiediamo di agire secondo le conoscenze scientifiche disponibili e di non sostenere, nel voto di ottobre, alcuna obiezione nell’ambito della Commissione Envi. “Del resto – aggiunge – l’Unione europea, già 25 anni fa, si era impegnata a bandire le munizioni al piombo dalle zone umide, e la recente proposta della Commissione Reach include una tempistica più che adeguata per la transizione. “Il 2021 dovrà vedere la piena applicazione del divieto o ulteriori ritardi – conclude il presidente della Lipu – metterebbero a repentaglio la vita di milioni di animali e di habitat naturali rari e preziosi e, in ultima analisi, la stessa salute umana”.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.