Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita
M

I più letti

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente

“Sostenere la storica messa al bando delle munizioni al piombo nelle zone umide votata a settembre dalla Commissione del regolamento europeo Reach, senza cedere alla pressione delle lobby della caccia che vorrebbe emendarlo e indebolirlo”: questo in sintesi il contenuto di una lettera inviata ieri dalla Lipu-BirdLife Italia agli europarlamentari dove si denuncia il tentativo della lobby della caccia di sollevare alcune obiezioni con l’obiettivo di far sì che il testo già approvato a settembre venga rimandato alla Commissione Reach e riconsiderato, attenuandone alcuni importanti aspetti. In particolare, il tentativo passa attraverso una diversa definizione di zona umida e delle zone “cuscinetto”, quelle zone cioè che impediscono che i colpi sparati all’esterno delle zone umide finiscano nei laghi e nei fiumi.
“Le obiezioni avanzate dai cacciatori – afferma Aldo Verner, presidente della Lipu-BirdLife Italia – mettono a rischio ogni anno oltre un milione di uccelli acquatici per avvelenamento da ingestione di piombo, l’habitat in cui vivono e la salute di tutti. Tutto ciò quando invece si potrebbe benissimo fare a meno di munizioni al piombo e ricorrere a consolidate soluzioni alternative. “Per queste ragioni – prosegue il presidente della Lipu – chiediamo di agire secondo le conoscenze scientifiche disponibili e di non sostenere, nel voto di ottobre, alcuna obiezione nell’ambito della Commissione Envi. “Del resto – aggiunge – l’Unione europea, già 25 anni fa, si era impegnata a bandire le munizioni al piombo dalle zone umide, e la recente proposta della Commissione Reach include una tempistica più che adeguata per la transizione. “Il 2021 dovrà vedere la piena applicazione del divieto o ulteriori ritardi – conclude il presidente della Lipu – metterebbero a repentaglio la vita di milioni di animali e di habitat naturali rari e preziosi e, in ultima analisi, la stessa salute umana”.

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.