Valle d’Aosta: abbruciamenti vietati ma i fumi invadono le case
V

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Da Legambiente arriva la segnalazione di quello che sta accadendo in Valle d’Aosta e che ragionevolmente, accade in questo periodo in molte altre Regioni d’Italia. “Da tempo – spiega l’associazione ambientalista – e in particolare negli ultimi giorni, riceviamo segnalazioni di cittadini della Bassa Valle che lamentano gli effetti negativi sulla qualità dell’aria dovuti a giornalieri roghi praticati sul territorio. Gli studi scientifici tuttavia, avvertono sui danni dell’inquinamento causato da questi fuochi, oggetto nella nostra regione di puntuali campagne di monitoraggio da parte dell’ARPA, soprattutto in periodi come quello invernale, in cui basse temperature e bassa pressione schiacciano a terra e ci costringono a respirare i fumi prodotti; in territori come i nostri, poi, la conformazione delle valli non permette la dispersione delle particelle cariche di veleni. A poco serve inoltre chiudere le finestre: le polveri penetrano egualmente nelle case proprio mentre l’emergenza sanitaria ci costringe a restarvi. E’ evidente che c’è un vuoto normativo – proseguono gli ambientalisti – per cui il problema reale dell’eliminazione dei residui vegetali (speriamo solo quelli!) viene risolto con i metodi più sbrigativi”. E’ evidente dunque che le linee guida previste nel Piano del miglioramento della qualità dell’aria non sono evidentemente sufficienti. Legambiente chiede alla politica di intervenire per trovare soluzioni alternative ai roghi, facendo anche presente che nelle regioni del nord Italia vige il divieto degli abbruciamenti dei residui vegetali nel periodo invernale (vedasi ad esempio la L.R. Piemonte 15/2018); si ricorda infine che i divieti possono essere anche stabiliti con ordinanze dei Sindaci, nell’interesse della salute pubblica.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.