Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba
E

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180, che collega attraverso l’antico e magnifico ponte saccheggiato della sua spalletta di granito dai vandali  Lavacchio a Poggio, era la vecchia strada – antica di almeno 700 anni – che portava alla frazione collinare marcianese. Una strada diventata in gran parte un ombroso sentiero che aveva conservato parte della sua pavimentazione in lastre irregolari di granito e in sassi meticolosamente sistemati. Il resto conservava comunque una solidità del piano di calpestio, grazie anche a un percorso difeso e consolidato da grandi massi che ora sono stati divelti e ammucchiati sui lati. Ora tutto questo non c’è più: la strada è stata completamente sventrata per tutta la sua larghezza, (meno che nell’attraversamento del  ponte) per posare i cavi della fibra ottica per internet.

Lavori che hanno trasformato l’intero percorso in una poltiglia fangosa, riducendo la parte lastricata in un accumulo disordinato di lastre dove è difficile camminare e che somiglia più a uno del macei di Monte Capanne che a una strada che  prima veniva percorsa dai barocci carichi di merci e persone e poi da escursionisti a piedi e in bici. Parte del materiale scavato è stato scaricato a valle, direttamente nel bosco. “E’ impensabile – si legge in una nota di Legambiente Arcipelago Toscano – descrivere una distruzione così sistematica e insensata di una antica strada che era anche un patrimonio culturale e ambientale e altrettanto impensabile, è che chi ha commesso questo sfacelo riesca a riportarlo a qualcosa di simile all’originale, visto anche come si è proceduto al “ripristino”. Come scrive in un post su Facebook l’Architetto Paolo Ferruzzi, già docente presso Accademia di Belle Arti di Roma: “Quelle pietre formavano l’antico selciato della strada che collegava Poggio e Marciana al versante orientale dell’isola e antiche di almeno 700 anni. Le persone sensibili alla propria storia si facciano sentire. Come minimo le lastre che formavano l’antico selciato dovevano essere prima numerate e fotografate per essere successivamente giustamente ricollocate”. Sappiamo – prosegue la nota – che i Carabinieri Forestali sono già intervenuti prontamente con sopralluoghi e ci rivolgiamo al Comune di Marciana e al Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano perché intervengano perché i responsabili di questo scempio vi pongano in qualche modo rimedio e vengano sanzionati per quel che hanno combinato su una strada storica in un’area protetta.

L’altra preoccupazione è che dopo i lavori che hanno portato anche a un allargamento della strada, successivamente al necessario nuovo livellamento del piano di calpestio d che si impone, il percorso non venga utilizzato da mezzi motorizzati come scorciatoia tra poggio e Marciana Marina. Per questo chiediamo a Parco e Comune di imporre un ripristino il più rigoroso possibile del lastricato e di vietare l’accesso ai mezzi motorizzati, salvo ai residenti delle abitazioni del primo tratto scendendo da Poggio. Speriamo anche che quanto accaduto serva da lezione: noi non abbiamo niente contro l’ammodernamento digitale dell’Elba  ma –  in  questa come in altre occasioni – non  può avvenire a scapito della nostra storia e delle nostre bellezze. Altrimenti non è futuro, è cancellazione del passato”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.